Decreto carceri il governo incassa la fiducia

Nel voto di fiducia del 18 novembre scorso i si’ erano stati 556, il 16 dicembre sulla manovra 495, mentre il 26 gennaio sul dl milleproroghe erano ulteriormente scesi a 469. Tra i punti principali del decreto legge sulle carceri del ministro Severino ci sono: la destinazione agli arresti domiciliari, in prima istanza, degli arrestati in flagranza per reati minori di competenza del giudice monocratico in seconda istanza le camere di sicurezza; la possibilita’ di scontare gli ultimi 18 mesi di pena residua ai domiciliari (si estende di 6 mesi quanto era gia’ stato previsto dal ddl Alfano); la chiusura degli Ospedali psichiatrici giudiziari (gli opg) entro il 31 marzo 2013.

La norma piu’ contestata del decreto carceri, su cui oggi la Camera ha votato la fiducia, e’ quella introdotta al Senato con un emendamento a prima firma Luigi Lusi (Pd), che retrodata al primo luglio 1988 la possibilita’ di chiedere risarcimento per ingiusta detenzione. Per quanto il governo e i relatori e i gruppi di maggioranza alla Camera abbiano espresso perplessita’ sull’articolo (il 3-bis), si e’ deciso di non sopprimerla per non far tornare il testo in terza lettura a Palazzo Madama mettendone a rischio la conversione in legge (il dl scade 20 febbraio). Pdl, Pd e Terzo Polo (Udc, Fli, Api) hanno pero’ presentato un ordine del giorno, che sara’ votato in aula martedi’ prossimo, per chiedere un impegno al governo a rimediare agli effetti di disparita’ che si creerebbe tra chi ha subito un torto per ingiusta carcerazione dal primo luglio ’88 in poi e chi prima di quella data. (DIRE)

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Bengala I bambini salvati 

In India ogni anno migliaia di minori scompaiono inghiottiti dal traffico di esseri umani. A volte gli stessi genitori scelgono di cederli in cambio di soldi o della speranza in un futuro migliore

Pubblicato il Libro Bianco sulle droghe, torna la repressione

Il Libro bianco ci racconta del ritorno dell’affollamento penitenziario e del ruolo che, in esso, gioca ancora una volta la legislazione proibizionista in materia di droghe

Deficit, sanità e addizionali la rivolta delle Regioni Chiamparino si dimette

Il governo non neutralizza la sentenza sui disavanzi Orlandi: “Le agenzie fiscali rischiano di morire”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment