Florida, primarie a colpi d’insulti Romney vola verso la vittoria

TAMPA – Ha vinto Romney, Romneyè morto:o quantomeno non se la passa tanto bene. Newt Ginrich ha twittato fino all’ultimo: «Facciamo una bella sorpresa all’establishment di Washington!». Bellissima sorpresa: l’ex governatore del Massachusetts era già  incoronato dai sondaggi con un vantaggio a due cifre. La madre di tutte le battaglie era decisiva per fargli segnare almeno “2 a 1” su Newt, Florida e New Hampshire contro South Carolina. Uno stato se l’è già  portato via a sorpresa Rick Santorum (Iowa) e dietro c’è pure Ron Paul che punta a rialzare la testa già  martedì prossimo in Nevada.

Romney ha assaporato la vittoria prima ancora della chiusura dei seggi alle sette di ieri, l’una in Italia, abbandonandosi l’altra sera perfino a cantare American the Beautiful – lui, il miliardario che non riuscivaa essere alla mano – davanti ai supporter della spiaggia di Dunedin. Ma l’ex Speaker ha continuato a giurarlo fino all’ultimo: «Non è per niente finita», ha detto visitando ieri l’ennesima chiesa battista, a Orlando. Al di là  dei risultati – oltre un milione e mezzo di persone al voto – Gingrich sa bene di avere spaccato il partito. E proprio su un ribaltone, con le alleanze tra i delegati da disfare alla Convention che si terrà  proprio qui, in agosto, a Tampa, davanti alla baia scoperta dal conquistador dal nome oggi simbolico di “Cabeza de vaca”, punta in questa campagna di tutti contro tutti.

E già . Con che faccia l’astro dei Tea Party, il senatore Marco Rubio ha sconfessato dalla sua Miami gli spot in cui l’amico Newt diceva che Romney è «contro gli immigrati»: sono accuse, ha detto, «non degne di questa campagna elettorale». Ma come: se questa è proprio la campagna più offensiva. Per difendere Newt, Sarah Palin ha accusato di “tecniche staliniste” nientemeno che i funzionari del suo partito. «Lo stanno facendo passare attraverso un tritacarne: e io so che vuol dire» ha rincarato, sfidando il ridicolo, l’ex re della pizza Herman Cain. Certo: l’establishment teme Gingrich spacca tutto. L’ex Speaker ha più di un sassolino nella scarpa per i compagni di partito che nell’88 lo defenestrarono dopo la sconfitta che aprì le porte agli otto anni di Bill Clinton. È la ragione per cui George Bush senior, a chi gli chiede di Newt, risponde: «Non sono il suo più grande avvocato». E RomIl candidato repubblicano Mitt Romney guarda una trapunta con le firme dei suoi sostenitori ney? «Maturo e responsabile: mica un lancia-bombe». Eppure anche lui si rifiuta, come tutti i big, di sporcarsi le mani con un endorsement. Dice il figlio Jeb Bush: «Se avesse voluto, una sua parola avrebbe chiuso la partita: ma non è nel suo stile». Stile? Neanche Jeb, che pure è l’ex governatore della Florida, ha voluto esprimersi: ma a proposito di stile, non ha mai alzato il telefono quando Romney l’ha cercato. Molti giurano che sia tattica: il fratellino sveglio di George W. (anche lui silente, finora, sugli sfidanti) sarebbe la carta dell’ultimo minuto, candidato super partes. Eppure il mito del “cavaliere bianco” è sfatato dal politologo John Putnam. Per arrivare alla nomination occorre raccogliere almeno 1144 delegati, ma con i primi stati già  andati ammontano a 1066 quelli in gioco: l’ipotetico cavaliere, quantunque immacolato, dovrebbe non solo vincerli tutti ma poi scendere a patti con uno dei litiganti. E che farebbe Romney che solo in Florida ha speso 13 milioni in spot? E così a moltiplicarsi, invece dei voti, sono gli insulti. Newt definisce Mitt «un bugiardo», neanche «un moderato» che per lui è già  bestemmia ma «un liberale del Massachusetts» che come Barack Obama (che vuole «fare guerra alla cristianità » e «sta trasformando gli Usa in un regime castrista») non rispetta «la nostra religione» e vietò a Boston «la cucina kosher». Romney replica dicendo che Gingrich gli «fa pena, è avvilente» – e gli dà  del matto per voler aprire una colonia sulla Luna. Perfino John McCain, moderato vero, non si trattiene: «Dovremmo spedire Romney alla Casa Bianca e sulla Luna Gingrich”» che è un po’ come un calcio in quel posto. Addio Florida: le primarie degli insulti sono appena cominciate.


Related Articles

#AlertaFeminista, le donne manifestano in 70 città e scuotono la Spagna

Spagna. Manifestazioni in 70 città per chiedere al governo di rispettare gli impegni presi nella lotta alla violenza sessista

Calais, il ghetto dove il governo francese ha rinchiuso i migranti

Francia. La polizia ha concentrato i profughi in una zona periferica e paludosa della città , distruggendo i campi dove vivevano

L’IDEALE CHE MANCA NELL’EUROPA IN CRISI

Nell’attesa angosciosa di una improbabile ripresa di cui non si vede traccia, la situazione economica continua a precipitare. In Europa si è aggravata una condizione di progressivo contrasto tra paesi forti e paesi deboli, detto in termini più chiari tra la Germania e i paesi del Sud Europa.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment