Gli ultras sempre in prima fila protagonisti anche a Tahrir

Nei 18 giorni della Rivoluzione c’erano anche loro a Tahrir: soprattutto i tifosi delle squadre più importanti, gli Ahlawy dell’Ahly e i Cavalieri Bianchi dello Zamalek. A titolo individuale ma riconoscibili per abiti, modi e slogan diversi dai «veri» manifestanti, che per altro li hanno sempre accolti con favore, fratelli nella lotta. «Almeno l’80% degli egiziani non sa niente di politica e lo stesso vale per loro», sostiene Mohamed Gamal Beshir, esperto del movimento e autore del recente «Kità b Al Ultrà s», il libro degli Ultras, appunto. «Sono divisi, politicamente hanno mille posizioni o nessuna, ma l’ostilità  per la polizia è il fattore comune, la lotta per vendicare gli abusi e la brutalità  è il collante».
In molte occasioni, nei celebri 18 giorni e nei meno gloriosi 12 mesi che sono seguiti, i tifosi sono stati protagonisti. Nella famosa Battaglia dei Cammelli a Tahrir, il 2 febbraio 2011, furono loro a sconfiggere i pro Mubarak sulle loro cavalcature. Sette mesi dopo, il 9 settembre, tornarono in massa sulla stessa piazza, protestando contro il ministero degli Interni per aver arrestato molti di loro, mentre gli altri manifestanti chiedevano le dimissioni della giunta militare e un governo civile.
«I rivoluzionari di Tahrir li apprezzano ma la maggioranza degli egiziani non li considera altro che dei maniaci del calcio, ragazzini invasati e violenti», sostiene Beshir. La loro età  è infatti bassissima, tra i 13 e i 23 anni. E anche per questo è difficile prevederne le mosse e le future battaglie, se non che saranno rivolte, come sempre, contro la polizia.


Related Articles

La verità di Londra “La morte di Litvinenko fu omicidio di Stato e forse Putin dette l’ok”

Dieci anni dopo l’avvelenamento dell’ex agente Aleksandr Litvinenko. La vedova: “Ora sanzioni contro il Cremlino”

Afghanistan. La Cia scende a patti con i taliban e incontra il mullah Baradar

Incontro “segreto” tra Burns e Baradar, mentre i Talebani annunciano lo stop all’esodo degli afghani: «Solo gli stranieri possono partire, abbiamo bisogno di dottori, ingegneri e di tutte le persone istruite. Le donne? Meglio per ora che stiano a casa». Seconda conferenza stampa dalla presa di Kabul, con la promessa che oggi riapriranno anche le banche

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment