La commissione Ue boccia la fusione tra New York e Francoforte

Bruxelles ha bloccato l’operazione soprattutto perché teme una concentrazione eccessiva del mercato dei derivati. La decisione di Bruxelles è stata annunciata dal responsabile alla Concorrenza, lo spagnolo Joaquin Almunia, secondo il quale «sarebbe nato un quasi-monopolio nell’area dei derivati, cuore del sistema finanziario che è cruciale resti aperto alla concorrenza. Abbiamo cercato di trovare una soluzione di compromesso, ma i rimedi offerti non sono riusciti a fugare i nostri dubbi». Per Almunia «la fusione avrebbe eliminato la concorrenza globale e creato un quasi-monopolio in numerosi campi, portando ad un danno significativo per chi commercia in derivati e all’economia europea in generale». Non a caso, Bruxelles aveva chiesto la cessione 1 della divisione derivati. Una possibilità  che le due società  che si volevano fondere non hanno preso in considerazione. Al punto che, di fronte alla prospettiva di bocciatura dei loro piani, nei giorni scorsi i manager delle due Borse avevano fatto sapere che avrebbero fatto ricorso alla Corte di giustizia dell’Ue


Related Articles

Lavoratori dello spettacolo in cerca di diritti e tutele

Il mondo degli intermittenti dello spettacolo in una ricerca Slc Cgil I bisogni: equo compenso e reddito in caso di disoccupazione

Pil, una vecchia bussola solo ritoccata

Il dibat­tito sul nuovo Pil è par­tito a vele spie­gate tra nuova serie sto­rica rico­struita fino al 2013, dati del 2014 fino al tanto atteso terzo tri­me­stre ed aggior­na­mento del Docu­mento di Eco­no­mia e Finanza

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment