Lille, l’ultimo scandalo per Dsk festini in albergo con prostitute

PARIGI – La Peugeot con a bordo Dominique Strauss-Kahn non riesce a entrare nella caserma della gendarmeria. Sono le nove del mattino a Lille e le forze dell’ordine penano a trattenere la folla di fotografi e cameramen che si getta sull’auto coi vetri scuri, al cui interno s’intravede l’ex direttore dell’Fmi in giacca e cravatta. In caserma lo attendono gli ufficiali che indagano su un giro di prostituzione in cui sono coinvolti dirigenti d’albergo, un commissario di polizia, un avvocato, imprenditori, sfruttatori. Strauss-Kahn era stato convocato qualche giorno fa e avvertito della prassi: stato di fermo per almeno 48 ore, interrogatorio e poi decisione sulla sua sorte giudiziaria. E’ sospettato di complicità  in sfruttamento della prostituzione e ricettazione di appropriazione indebita. Tradotto in termini più chiari: avrebbe frequentato prostitute pagate con i soldi di alcune società . 
E’ un’inchiesta clamorosa, nata in primavera a Lille. All’inizio una storia quasi banale di sfruttamento della prostituzione, fino a quando gli inquirenti non scoprono che Strauss-Kahn faceva parte del giro, era protagonista di serata organizzate per lui (ne sarebbero state recensite almeno dieci) a Parigi, Bruxelles e Washington, in genere in alberghi chic o in locali notturni. Gli inquirenti si chiedono come mai due piccoli imprenditori, uno impegnato nell’edilizia e l’altro nel settore sanitario, portassero ragazze al direttore dell’Fmi, che scambiava con loro sms espliciti. A quanto pare, era un’abitudine consolidata. E il caso ha voluto che l’ultimo viaggio di imprenditori e ragazze a Washington sia avvenuto fra l’11 e il 13 maggio, cioè poche ore prima dell’autodistruzione politica di Strauss-Kahn nella suite 2806 del Sofitel di New York Dopo le prime indiscrezioni, Strauss-Kahn si è difeso: ha ammesso di aver partecipato a serate «libertine», affrettandosi a precisare che «di solito le partecipanti a queste serata non sono prostitute». Gli investigatori, però, vogliono vederci chiaro. I sospetti sono di due tipi: se Dsk ha partecipato alla scelta e all’organizzazione dei viaggi delle ragazze, potrebbe essere complice di sfruttamento della prostituzione, reato passibile di una pena massima di venti anni; se sapeva che le ragazze venivano pagate con i soldi delle aziende, sarebbe colpevole di ricettazione per aver usufruito di fondi sottratti in maniera indebita dalle casse societarie (pena massima 5 anni). Secondo il suo legale, Henri Leclerc, Strauss-Kahn poteva «ignorare completamente» che le ragazze si prostituivano. 
La vicenda di Lille ha finito di distruggere l’immagine del leader socialista, cui i sondaggi promettevano un futuro all’Eliseo. Tutti suoi amici politici lo hanno lasciato solo: per quanto fosse conosciuta la sua fama di playboy, nessuno aveva immaginato una vita sessuale così sfrenata. Tagliato fuori dalla politica e con addosso l’etichetta di “sex addict”, Strauss-Kahn partecipa a conferenze e dibattiti sulla crisi economica: in dicembre era in Cina, ai primi di marzo è atteso a Cambridge, il 27 marzo all’europarlamento.


Related Articles

Egitto. L’attivista Sarah Hijazi, torturata in cella, si toglie la vita

Arrestata con altre 57 persone per aver partecipato nel 2017 al concerto della band libanese Mashrou’ Leila e aver sventolato la bandiera arcobaleno, in carcere aveva subito brutali violenze

Proteste in Kuwait

Notizie dal Kuwait

Sabato ci sono state le elezioni per il nuovo Parlamento, l’opposizione le ha boicottate e da tre giorni ci sono proteste e scontri

Gli islamici si tengono in disparte E puntano sulla vittoria alle urne

Sono loro che venerdì scorso hanno dato il via alla nuova e massiccia ondata di protesta in Egitto, ancora imprevedibile nei risultati.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment