Lugano addio: il Canton Ticino off limits per gli immigrati

Non solo il Ticino, comunque: la Confederazione Elvetica è stata lungamente caratterizzata da unospiccato atteggiamento xenofobo rivolta contro gli immigrati italiani. In occasione dei 150 anni d’unita d’Italia, vi è chi, anche in Svizzera, ha riconosciuto che “Le storie degli immigrati italiani sono spesso caratterizzate da un passato simile, fatto di povertà  e a volte di soprusi, proseguite lungo un percorso sinuoso, doloroso”. L’ammissione di colpa era comunque accompagnata dall’appunto che queste storie, “comunque, si sono concluse frequentemente con la conquista di un posto al sole”. In effetti, la presenza di seconde e terze generazioni di immigrati italiani è oggi molto forte, soprattutto in Ticino: e come spesso accade in questi casi, i ruoli si sono – almeno in parte – capovolti. Ora sono i discendenti di immigrati italiani stanno portando avanti istanze di forte chiusura verso i nuovi flussi migratori, provenienti sia dall’Italia, sia da altri Paesi stranieri.

Il Ticino, infatti, continua ad essere una delle mete principali per gli emigranti italiani, così come pure per molti dei profughi dall’Africa del Nord. La Svizzera ed il suo Cantone italiano sono più volte salite agli onori delle cronache, per così dire, per via delle semprepiù aggressive campagne xenofobe contro immigrati italiani ed extra-comunitari, tanto da meritarsi un richiamo ufficiale da parte del Consiglio d’Europa. Sentimenti populisti ed anti-xenofobi, comunque, sono stati canalizzati da un partito in particolare, la Lega dei Ticinesi, che attraverso un messaggio semplice, aggressivo e spesso volgare ha triplicato i suoi consensi nelle elezioni cantonali, raggiungendo il 29.78% nel 2011.

Ci sono, ovviamente, una varietà  di considerazioni che possono legittimamente portare ad una chiusura delle politiche in materia di immigrazione. Tuttavia, il perdurare di una esplicita xenofobia nella sfera politica ed in quella sociale dimostrano l’anomalia del sistema elvetico. La Svizzera e, più specificamente il Canton Ticino, sono infattirarissimi esempi di come il malcontento anti-immigrati possa rinforzare il sistema dominante, basato su una chiusura localistica per la quale diventa normale auto-escludersi dall’area Schengen e proibire tramite referendum la costruzione di moschee sul territorio. E così, mentre in tutta Europa i movimenti anti-immigrati sono generalmente considerati anti-sistema, in Ticino partiti e campagne xenofobefiniscono per essere in qualche modo integrati nell’ideologia di Stato. Con buona pace di tutti gli immigrati; e soprattutto di quelli italiani, che un secolo dopo le prime ondate risultano ancora poco graditi agli autoctoni, compresi quelli che, anche se oggi se ne dimenticano, di quelle ondate fecero parte.


Related Articles

Gerusalemme Est: Israele riprende le demolizioni di case palestinesi

Settlers israeliani a Gerusalemme Est

C’è chi lascia la città  e si trasferisce in West Bank, rinunciando al proprio “status di residente permanente” a Gerusalemme Est. C’è chi, demolita la propria abitazione, si trasferisce a casa di amici, parenti o conoscenti, causando ulteriori problemi di sovraffollamento in una città  dove la densità  abitativa raggiunge livelli estremi. E poi c’è chi, come la famiglia Gawi, ha scelto di accamparsi per mesi in tende davanti alla propria ex-abitazione, occupata da settlers israeliani. Demolizioni o sfratti a favore di cittadini israeliani: due realtà , due distinte giustificazioni su base legale. Ma il risultato delle politiche israeliane a Gerusalemme Est è lo stesso: migliaia di palestinesi perdono la propria abitazione.

Il Papa: “Non si deride la fede altrui” Ma la Francia risponde: “Niente tabù”

Alle parole del pontefice sul volo verso Manila replica il ministro alla Giustizia Christiane Taubira: “Siamo il paese dell’irriverenza Giusto anche disegnare il Profeta”

Il Rapporto 2017 di Amnesty: diritti umani violati in tutti i paesi

Europa e Italia sotto accusa per i migranti, Trump nel mirino. La violazione dei diritti umani tocca la quasi totalità dei paesi. Le parole chiave della deriva: rifugiati, torture, sparizioni forzate, autoritarismi, muri

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment