Nessuna pietà  per il ragazzo cileno ucciso da un vigile

Eppure non c’è un cane in tutta Milano che si senta in dovere di stringersi attorno a qualcuno o a qualcosa, anche per finta, magari alla comunità  cilena, o agli stranieri tutti, che a naso oggi dovrebbero sentirsi un po’ più nervosi dei vigili urbani, che se non altro girano armati.
Non si sa quale avvocato difenderà  la famiglia di Marcelo Valentino Gomez Cortes, 28 anni. Aveva una compagna e due bambini piccoli, uno di 5 e uno di 7 anni. Il sindaco Giuliano Pisapia, un mese fa, quando il povero vigile Niccolò Savarino morì travolto da un Suv guidato da un altro criminale, aveva saputo trovare le parole giuste e si era detto disponibile ad assistere legalmente la famiglia Savarino. Per questo omicidio, invece, solo una frase di rito che sostanzialmente non dice niente, la riportiamo per intero: «Quanto accaduto ieri in via Orbetello mi ha colpito profondamente. Ripongo la massima fiducia nella magistratura che dovrà  accertare la reale dinamica dei fatti, con l’auspicio che questo possa avvenire in tempi ragionevolmente brevi. Credo che attendere l’esito delle indagini sia nell’interesse di tutti, delle persone coinvolte, dei familiari della vittima e dell’intero Corpo di Polizia Locale che svolge un lavoro prezioso per la sicurezza dei milanesi, anche pagando un prezzo altissimo come nel caso di Nicolò Savarino».
Anche l’ultima vittima comunque aveva un nome, Marcelo Valentino Gomez Cortes. Forse serve a poco nominarlo, ma non bisogna dimenticare che anche lui ha pagato un prezzo abbastanza alto. Un morto ammazzato è un morto ammazzato, e se fosse un ladro di polli – «piccoli precedenti» dicono le agenzie – la sostanza non cambierebbe. E’ ragionevole riporre la massima fiducia nella magistratura, anche se questa l’avevamo già  sentita, e tutti vogliono sapere come si sono svolti i fatti. A dire il vero, dopo l’assassinio, si è già  materializzata qualche ipotesi di un certo peso.
Si sa già , per esempio, che un dipendente dell’amministrazione comunale – il vigile Alessandro Amigoni, indagato per omicidio volontario – amava farsi ritrarre su facebook con un mitragliatore in mano. Era appassionato di armi. Un tipo mite. Quindi l’unica buona notizia per i milanesi è che da oggi c’è in giro un uomo pericoloso in meno – lo hanno destinato a un ufficio amministrativo! – e dovrebbe essere contento anche l’assessore alla sicurezza Granelli. Si sa poi che, forse per caso – lasciamo indagare la magistratura – Alessandro Amigoni faceva parte di quei nuclei speciali tutt’ora operativi – chissà  come mai – che il vice sindaco De Corato usava a suo piacimento per rastrellamenti contro rom e abusivi.
Altri dettagli utili? Il comandante dei vigili urbani, l’intoccabile Tullio Mastrangelo, fino a ieri teorizzava l’uso dell’arma per legittima difesa. Oggi tace. Forse perché Marcelo Valentino Gomez Cortes era disarmato. C’è poi un tale che si è fatto intervistare da Sky Tg 24. O è un mitomane, oppure ha ricostruito la dinamica di una vera e propria esecuzione: «Io ho visto, i ragazzi correvano, non erano armati, non avevano niente e quello che scappava diceva non sparate, non sparate».
Ci vuole altro per chiedere le dimissioni del comandante di piazza Beccaria e per sciogliere gli «squadroncini» dei vigili urbani, l’eredità  più odiosa di un ventennio di delirio securitario? Tutto tace. Ma ci sono silenzi che fanno ancora più male. Sono i «nostri». Nessuno – e dire che di belle parole per giuste cause ne sprechiamo a quintalate – in due giorni ha sentito il bisogno di rivolgere lo straccio di un pensiero a Marcelo Valentino Gomez Cortes. Non sappiamo ancora che faccia aveva, magari per un murale. A sinistra, ormai, abbiamo dimenticato anche i fondamentali.


Related Articles

I giudici tolgono i figli ai boss di ‘ndrangheta

L’affido fuori dalla Calabria: «Meritano un altro destino»

Provvedimenti senza precedenti del Tribunale dei minorenni di Reggio Calabria: togliere i figli adolescenti alle famiglie di ‘ndrangheta per sottrarli a un altrimenti ineluttabile destino mafioso e affidarli al servizio sociale in comunità  fuori dalla Calabria per dare loro almeno una chance di conoscere un modo diverso di vivere e pensare. Anche prima di sentenze definitive per i famigliari, e persino anche in caso di assoluzione dei ragazzi, i giudici stanno infatti sperimentando provvedimenti di natura civile in presenza di «contesti famigliari permeati da valori “tribali” e da una subcultura di travisato senso dell'”onore” e del “rispetto”».

L’Inps ritira la circolare invalidi

La pensione si calcolerà  senza più considerare il coniuge 

Covid-19. RSA, su 601 controllate 104 sono irregolari

Se si prende in considerazione il lavoro svolto dal Nas dall’inizio dell’anno – quindi anche prima dell’arrivo ufficiale della pandemia – i controlli sono stati 918, con 183 irregolarità

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment