“No al carcere obbligatorio per gli stupri di gruppo” è bufera sulla Cassazione

ROMA – Stupro di gruppo, «il carcere non è più obbligatorio». Da oggi il giudice può concedere i domiciliari, applicare o mantenere misure alternative alla custodia in cella a coloro sono accusati di violenza sessuale. La Cassazione, con una interpretazione estensiva di una sentenza della Consulta del 2010, ha inviato al massimario, dunque a far giurisprudenza, una pronuncia che fa discutere. La prima di questo tenore dopo l’ondata di sdegno e d’emozione che nel 2009 accompagnò lo stupro della Caffarella a Roma e la conseguente modifica di legge. Adesso, afferma la Suprema Corte, sul carcere si dovrà  valutare caso per caso. 
Fu la violenza su una ragazzina di soli 13 anni a provocare il decreto, poi convertito, che rese obbligatorie le sbarre agli aguzzini. Solitari o in branco. Decine e decine di giovani e di uomini per quella legge furono riportati in cella. Ogni ricorso davanti al giudice ordinario da allora è stato bollato come «inammissibile». Tutti dentro, senza scuse. Ma non senza polemiche. 
Nel 2010 un giovane accusato di stupro si è rivolto alla Consulta, contestando proprio la norma sul carcere obbligatorio. L’Alta Corte ha ritenuto il punto in contrasto con gli articoli 3 (uguaglianza davanti alla legge), 13 (libertà  personale) e 27 (funzione della pena) della Costituzione, dicendo sì alle alternative sulla custodia in cella. Ma solo «nell’ipotesi in cui siano acquisiti elementi specifici, in relazione al caso concreto, dai quali risulti che le esigenze cautelari possono essere soddisfatte con altre misure».
Invocando questa sentenza, l’avvocato Lucio Marziale solo pochi mesi fa non è riuscito a convincere il Tribunale del Riesame di Roma a non mettere “dentro” due giovani accusati di violenza sessuale su una sedicenne. Lo stupro è avvenuto l’estate scorsa nel Frusinate, nelle campagne di Sora. Così si è arrivati in Cassazione. 
La terza sezione penale ha stabilito che «i principi affermati dalla Corte Costituzionale nel 2010 appaiono potenzialmente riferibili» alla vicenda in questione. E unica interpretazione compatibile con i principi della Consulta «è quella che estende la possibilità  per il giudice di applicare misure diverse dalla custodia carceraria» per la violenza sessuale di gruppo. La decisione del tribunale di Roma è stata annullata con rinvio, e ora il Riesame dovrà  pronunciarsi sulla “libertà ” dei due giovani. «La Cassazione – spiega l’avvocato Marziale – ha restituito al giudice la possibilità  di valutare caso per caso». Dunque il carcere non sarà  più obbligatorio per i reati sessuali, dallo stupro alla pacca sul sedere data con insistenza che, come è noto, rientra per giurisprudenza di Cassazione tra quelli puniti come violenza.
«Niente carcere per gli stupratori?». In Parlamento lo sdegno è bipartisan. Il pensiero va alla famosa sentenza sui jeans, indumento «istigatore». «Impossibile da condividere», afferma l’ex ministro per le Pari Opportunità , Mara Carfagna. Sentenza «lacerante», dice Barbara Pollastrini del Pd. «Un passo indietro», ammonisce “Telefono Rosa”. «Aumenteranno i silenzi delle vittime», sottolinea la democratica Donata Lenzi. Ombretta Colli, vicepresidente del Pdl a Palazzo Madama, invita le parlamentari di qualunque schieramento a «correggere», con un «tempestivo» intervento delle Camere, la Corte di Cassazione.


Related Articles

Indulto: il rapporto Antigone

Sono 24.256 i detenuti che, grazie all’indulto, hanno riacquistato la liberta’. A renderlo noto e’ Antigone, che oggi ha presentato

La marcia sul reddito a Cinque stelle

Cinquanta mila persone hanno sfilato ieri alla marcia per il «reddito di cittadinanza» da Perugia a Assisi con il movimento Cinque Stelle. Chiedono l’istituzione di un reddito minimo garantito da 780 euro al mese

“Attenti all’effetto emulazione la disperazione è contagiosa”

La psicologa Kety Ceolin di “Terraferma” Chi resta disoccupato si sente solo e fragile. Chi si chiude in se stesso rischia di più. Per questo la prima cura è provare a parlarne 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment