SALVA L’ITALIA CREPANDO

Come è noto è la burocrazia (oltre all’articolo 18) a tarpare le ali alle imprese e a tenere lontani gli investimenti stranieri. Troppi controlli e troppi controllori. Prendiamo le norme sulla sicurezza sul lavoro: sarebbe meglio, anzi è meglio sostituire le lungaggini concertative dei decreti attuativi con un semplice confronto delle associazioni imprenditoriali. Già , che c’entrano i sindacati con la sicurezza sul lavoro? Che c’entrano i delegati operai addetti specificamente alla difesa della salute psicofisica dei lavoratori? E poi, volete sapere come dovrebbero intervenire i «controllori»? Con una «collaborazione amichevole con i soggetti controllati, al fine di prevenire rischi e situazioni di irregolarità ». Magari facendo una telefonata amichevole prima di un’eventuale ispezione. Non basta ancora: il decreto stabilisce la «soppressione o riduzione dei controlli sulle imprese in possesso della certificazione del sistema di gestione della qualità  o altra appropriata certificazione emessa, a fronte di norme armonizzate». D’ora in poi basterà  aver messo le mani su un certificato per non avere rotture di scatole in azienda.
È l’opposto di quel che chiedono i pm torinesi che hanno istruito i processi esemplari contro la ThyssenKrupp per il rogo che ha ucciso 7 operai metalmeccanici e contro l’Eternit per la strage di migliaia e migliaia di lavoratori e cittadini. 
Servirebbe una razionalizzazione del lavoro che coinvolge diverse istituzioni e soprattutto una professionalizzazione delle equipe che si occupano di sicurezza sul lavoro e ambiente. Dunque più investimenti, un maggior coordinamento e, secondo Raffaele Guariniello, una sorta di superprocura nazionale perché «i reati contro la sicurezza sul lavoro non sono di serie B rispetto ai reati delle mafie». 
La risposta del governo Monti, invece, prefigura una deregulation dagli effetti devastanti per chi lavora, secondo la filosofia che mette i profitti al di sopra di tutto, anche della vita di chi lavora. Gli operai svuotati di soggettività  e diritti diventano pura appendice delle macchine, variabili dipendenti del mercato. La sicurezza costa, è un lusso che in tempi di crisi non ci si può più permettere. Bisogna essere rapidi, snelli, riducendo al minimo i controlli che fanno perdere tempo e soldi. 
Grazie a questa filosofia ogni anno in Italia muoiono più di mille lavoratori, una cifra impressionante che nel 2011 è tornata a crescere. È il prezzo del lavoro inteso come generosa concessione dei padroni che bisogna pagare, perché meno si disturba il manovratore più si produce ricchezza e tutti stanno meglio.
Per fortuna sono arrivati i professori al timone della nave con il progetto «salvaitalia». Se poi gli italiani crepano sul lavoro, facciamocene una ragione. O forse no.


Related Articles

Timori per i debiti di Irlanda e Portogallo

Rendimenti ai massimi. Bene in Italia l’asta dei Btp. L’euro affonda il dollaro

FISCO, NESSUN ACCORDO TRA ITALIA E SVIZZERA

La battuta viene facile. I capitali italiani esportati in Svizzera (circa 160 miliardi di euro) sembrano destinati a rimanerci senza problemi per chi li ha portati lì.

I vantaggi dell’euro debole

Un leader storico della sinistra e un europeista come Giorgio Napolitano era proprio l’interlocutore di cui Barack Obama aveva bisogno ieri. Il presidente americano non ha nascosto la sua preoccupazione perché «l’Europa risponda unita alla crisi». E non avvitandosi in politiche economiche iper-restrittive. La stessa manovra da 24 miliardi varata ieri a Roma contribuisce all’inquietudine degli Stati Uniti. Obama ne sta spingendo una di segno diametralmente opposto: chiede al Congresso 200 miliardi di dollari in più da iniettare nell’economia per evitare che ricada in recessione. L’allarme della Casa Bianca cresce via via che l’America si scopre vulnerabile al contagio del male europeo.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment