YEMEN Il presidente giura, il kamikaze s’immola

Una trentina i feriti. L’attentato, che secondo la tv al Arabyia, sarebbe stato compiuto da un kamikaze saudita, è stato rivendicato con un comunicato da «al Qaeda nella penisola araba» per «vendetta contro i crimin della Guardia repubblicana». Ma al Jazeera nota che nel sud sono «molto attivi» gruppi separatisti. Poco prima dell’attentato a Mukalla, a Sanaa, la capitale più di 500 km lontana, si era svolta la cerimonia di giuramento del nuovo presidente della repubblica. Abdrabbuh Mansour Hadi ha giurato dopo essere stato proclamato vincitore delle elezioni di martedì scorso in cui era candidato unico. La sua nomina è parte di un complicato e incerto processo di transizione – dopo l’uscita di scena di Saleh, al potere per 33 anni – sponsorizzato dalle petro-monarchie del Golfo con il placet degli Usa (che hanno basi «anti-terrorismo» nelle Yemen). Hadi era il vice-presidente di Saleh, che tornato per l’occasione dagli Stati uniti dove è andato a farsi curare la salute, era presente alla cerimonia. Una delle condizioni per la sua uscita di scena concordata era la garanzia dell’immunità .


Related Articles

Irlanda al voto, un test sull’austerità

Pil in crescita a fronte di costi sociali enormi, il Paese oggi torna alle urne nell’incertezza. Il Sinn Féin in crescita non è riuscito a fare fronte comune con l’Anti-Austerity Alliance

Via la tredicesima. Scontri a Madrid

Mega stangata del governo Rajoy. Minatori e indignados in piazza: 76 feriti

Brasile. Lula candidato fa paura anche dalla prigione

Brasile. Un corteo ha accompagnato l’ufficializzazione della sua candidatura, subito impugnata dalla pm Raquel Dodge

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment