De Mistura: “Almeno due mesi per riportare a casa i marò”

TRIVANDRUM – Ci vorrà  tempo per riportare in Italia i marò incarcerati, questo ormai è chiaro.

«Forse anche un paio mesi, vedremo», dice il sottosegretario agli Esteri Staffan De Mistura, che dal 21 febbraio è in India per seguire il caso. «Ci vorranno da6a 12 mesi solo per il processo», diceva invece il chief minister dello stato Kerala. De Mistura si prepara a rientrare in Italia, per consultazioni con il premier Monti e con Terzi, che ieri ha evocato i «diversi errori commessi» dicendo che «in nessun caso la nave doveva entrare in acque indiane». De Mistura incontrerà  le famiglie dei due marinai e soprattutto lavorerà  alla nuova fase politica, diplomatica e giudiziaria ormai aperta fra Italia e India. Si allontana da qui anche perché fra poco ci sono le elezioni suppletive nel Kerala,e il governo italiano non vuole essere accusato di interferenze.

Ma De Mistura parte soprattutto perché, “stabilizzata” la situazione dei due marò in carcere, la partita giudiziaria si complica, e richiede nuove riposte politiche.

In queste ore infatti, fra Trivandrum e Roma, sono rimbalzate informazioni sulla perizia balistica dei proiettili sparati dai fucili dei marò e su quelli ritrovati nel corpo dei pescatori. Uno di questi ultimi proiettili sarebbe «compatibile con il calibro Nato 5,56», dicono fonti attendibili. Fino a che non sarà  stato reso noto il verbale finale della polizia indiana e non leggeremo le contro-deduzioni italiane, la partita tecnica sarà  ancora lunga. Ma se questa indicazione venisse confermata, l’atteggiamento del governo italiano sicuramente dovrebbe cambiare: la responsabilità  dell’incidente, per quanto involontario, si avvicinerebbe ancora di più alla petroliera Lexie. La delegazione italiana in India, rispettando le regole imposte da De Mistura, non ha né smentito, né confermato la notizia sul calibro 5,56: diplomatici e militari invitano anzi i giornalisti al silenzio per rispettare il patto di discrezione stretto con le autorità  indiane. Ma molti cronisti indiani ormai sono sulle tracce della perizia, e già  la settimana scorsa le prime anticipazioni sul proiettile estratto dal corpo di Valentine Jelestine parlavano di «possibile calibro Nato». Adesso un elemento in più sarebbe il paragone fra le striature sui proiettili sparati nel laboratorio balistico di Trivandrum e quelle sull’ogiva estratta dal corpo di Jelestine. De Mistura, che in questi giorni non si è mai spostato dall’India, sulle perizie aveva detto di avere un atteggiamento di «ambiguità  costruttiva»: come dire che le informazioni sui proiettili dovevano essere lasciate vaghe per provare a dar tempo alla diplomazia e alla politica di lavorare: «La verità  può essere anche a metà  strada, non è chiaro cosa avremo nel referto della perizia». Senza quindi addentrarci nelle alchimie relative ai calibri dei proiettili e senza fare paragoni fra armi della Marina italiana e quelle di altri eserciti del mondo intero, registriamo i passaggi politici che De Mistura sta mettendo a punto. Tornerà  a Roma per vedere Terzi, Di Paola ma anche Monti e Napolitano (che è fra l’altro è comandante supremo delle forze armate). Con Terzi e Di Paola il sottosegretario ha concordato che poi sarà  in Puglia per incontrare le famiglie. Il ministero degli Esteri non sguarnisce la squadra in India, e così a Trivandrum arriveranno l’ambasciatore d’Italia Giacomo Sanfelice e il direttore generale per l’Asia della Farnesina, Andrea Perugini. A Roma poi il sottosegretario proverà  ad affrontare un altro tipo di problema: ieri mattina il capo del carcere di Trivandrum, gli ha fatto vedere la copia del Times of India in cui, in prima pagina, c’era un articolo sulla Destra che invita a boicottare i ristoranti indiani in Italia. Nell’articolo, in verità , un esponente della Destra dice: «vogliamo solo protestare, non boicottare gli indiani». Ma l’effetto è stato comunque quello di innervosire i carcerieri indiani. “Cos’è questa roba?”, hanno chiesto, e gli italiani hanno risposto “frange marginali, che non rappresentano il popolo italiano”. Tanto che gli stessi ufficiali di Marina e dei Carabinieri qui in India parlano di «speculazioni che danneggiano solo i nostri due marò, e che se continuassero potrebbero davvero rendere la loro prigionia più pesante». Ma il governo Monti ha un altro problema da risolvere: la Enrica Lexie, alla fonda al largo di Kochi e presidiata dalla polizia.

Comandante, equipaggio e fucilieri del San Marco non possono partire: ogni giorno le autorità  indiane scoprono un timbro mancante sui documenti o un’ispezione in più da compiere.


Related Articles

Etienne Balibar. La costruzione del nemico pubblico

Uno stralcio dal discorso del filosofo francese, in occasione del conferimento del premio Hannah-Arendt per il pensiero politico 2017

Trattati, vincoli, tempi cosa si decide al vertice

Dalla Bce al fondo salva Stati: i dossier sul tavolo dei 27

Usa, ribelli armati e Ban Ki-moon contro Kofi Annan

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite «deve autorizzare da subito un numero maggiore di osservatori in Siria, nonostante i rischi e le violenze in corso»: lo ha dichiarato ai Quindici il vice dell’inviato speciale Kofi Annan, Jean Marie Guehenno.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment