Dopo 4.000 Giorni in Afghanistan i Dubbi americani sulla Guerra più lunga

Adesso sono i talebani a rifiutarsi di parlare con gli americani. Questo dà  l’idea di come sia cambiata la bilancia del potere in Afghanistan. L’intervento dell’Occidente è fallito. Con le truppe Nato che preparano il ritiro (entro il 2014), rimane solo da definire quanto sarà  grave la sconfitta».
Un pugno nello stomaco che arriva proprio mentre il New York Times pubblica un sondaggio dal quale emerge che ormai oltre i due terzi degli americani (il 69%) sono contrari all’impegno militare in Afghanistan. Appena quattro mesi fa l’opposizione, benché forte (53%), non era così straripante. Ma gli umori stanno cambiando rapidamente e questo rende sempre più difficile per Obama e i suoi alleati arrivare a un disimpegno dignitoso e ordinato dalla «guerra giusta»: quella motivata, a differenza dall’attacco in Iraq, dall’esigenza di sradicare dal Paese dell’Asia centrale i gruppi terroristici che qui avevano creato rifugi e centri di addestramento. La corruzione dilagante nel governo di Kabul, che sperpera miliardi di dollari di aiuti dell’Occidente, e i numerosi casi di soldati Nato uccisi dai loro commilitoni afghani passati coi talebani, alimentano questa frustrazione. Il governo Usa pensa ancora di poter completare l’addestramento dell’esercito di Kabul trasferendogli il comando di tutte le aree del Paese, anche le più turbolente, in modo abbastanza ordinato. Per i generali del Pentagono è, poi, inevitabile che in un conflitto come questo ci siano infiltrazioni di insorti. Ma, come nota Rachel Maddow sul Washington Post, una guerra che dura da 4.000 giorni, la più lunga della storia americana, e che sembrava poter continuare indefinitamente, per inerzia, all’improvviso è divenuta un peso insopportabile. Anche se questo non provocherà  un esodo anticipato delle forze Nato, si accentua il distacco tra l’Occidente e un governo di Kabul che dovrà  vedersela col ritorno dei talebani e una possibile, nuova guerra civile.


Related Articles

Guatemala: continua l’aggressione ai difensori dei diritti umani

Un gruppo di Ong del Guatemala ha denunciato alla Commissione Interamericana dei Diritti Umani (CIDH) di Washington che sta aumentando l’aggressione ai difensori dei diritti umani nel paese centroamericano: sono più di 300 i casi solo nel 2010. Secondo Marcela Martino, avvocato del Centro por la Justicia y el Derecho Internacional (Cejil) “Il governo del Presidente Colon alimenta la percezione che le persone che lottano per i diritti umani siano destabilizzatori che difendono delinquenti”.

 

La guerra di Erdogan alle carte di credito: “Non usatele”

Il premier turco, in calo di consensi dopo la repressione della rivolta di Taksim, attacca le banche “insaziabili” e “la lobby dei tassi d’interesse”

«Addio Fidel, difenderemo sempre la patria e il socialismo»

Hasta siempre. Nella città «eroica» di Santiago, Raúl ha ricordato il lascito storico e il testamento politico del fratello maggiore. Ora è insieme al poeta, scrittore e politico, ispiratore del Partito rivoluzionario di Cuba, José Martí

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment