Effetto quote rosa in politica Si alza la qualità  degli eletti

MILANO — Le quote rosa fanno bene alla politica. È più di un auspicio adesso che due docenti, donne, della Bocconi sono riuscite a produrre la prova. Aumentando il numero delle candidate aumenta la qualità  degli eletti, donne e uomini, questa la tesi dimostrata per la prima volta. Inserire le signore per forza, perché lo chiede la legge, non abbassa la qualità  e non è antimeritocratico. 
C’è voluto anche un pizzico di fortuna, una circostanza particolare ha creato le condizioni per realizzare quello che le autrici definiscono un «esperimento naturale» e poter sbandierare oggi la prova scientifica. 
La storia in breve è la seguente: la legge 81 del 1993 stabilisce che nessun genere può rappresentare più dei 2/3 dei candidati totali nelle liste elettorali comunali, la legge però viene abolita nel 1995 perché dichiarata incostituzionale. Poiché le elezioni avvengono ogni cinque anni, non tutti i comuni vanno al voto quando la legge è in vigore. E questa circostanza rende possibile il confronto fra due gruppi di comuni, con e senza quote. La misurazione poi si rivela a favore delle quote, e delle donne: la loro presenza non peggiora, anzi migliora la qualità  dei candidati (che si misura sugli anni di istruzione e anche sul tipo di occupazione che avevano prima dell’incarico).
Il documento, un working paper ancora da pubblicare, è firmato da Alessandra Casarico e Paola Profeta, professori associati del dipartimento di Analisi delle politiche e management pubblico della Bocconi, che hanno preso in esame 8.100 Comuni. «Il nostro lavoro si focalizza sul contesto dei politici locali e dimostra per la prima volta che le quote hanno un effetto positivo sulla qualità  degli eletti, sia donne sia uomini». Un doppio vantaggio, spiega Paola Profeta: «Abbiamo osservato nel nostro studio che non soltanto le donne inserite erano più istruite dei colleghi uomini ma per fare spazio alle candidate femmine erano rimasti fuori i maschi meno qualificati. Così è migliorato il livello medio di tutta la classe politica».
Lo studio (con la collaborazione anche di Paola Bello, sempre bocconiana e di Audinga Baltrunaite, ora all’università  di Stoccolma) arriva in contemporanea al richiamo Ue sulle quote rosa. Poche manager, serve una legge, ha appena detto la commissaria europea Viviane Reding: «Altrimenti ci vorranno almeno quarant’anni per raggiungere un significativo equilibrio fra donne e uomini». 
«La nostra ricerca è stata condotta sui politici locali ma il risultato andrà  valutato anche nel dibattito sulle disparità  di genere nel lavoro e nelle carriere — sostiene Profeta —. La qualità  dei politici è determinante per la crescita di un Paese e lo stesso si può dire per le imprese». E la qualità , con le donne, aumenta. 
Respinto con forza insomma l’argomento delle quote antimeritocratiche. «Era riemerso anche nel dibattito che ha accompagnato l’adozione della legge 120 del 2011 che impone alle società  quotate una percentuale minima del genere meno rappresentato nei cda e nei collegi sindacali. Oltre ad apparire singolare in un Paese in cui le donne sono ormai più istruite degli uomini e i talenti femminili abbondano (e sono anzi largamente sprecati), questa argomentazione non convince e non è mai stata provata», scrivono le bocconiane. Adesso convince ancora meno.


Related Articles

Bersani: resto sulla nave, darò una mano a Enrico

ROMA — Letta l’ha guardato in televisione, dalla sua casa di Piacenza. Poi è uscito a fare una passeggiata con la moglie, la signora Daniela, che nei giorni scorsi aveva definito il Pd «un bell’ambientino».
È profondamente deluso dal suo partito, Pier Luigi Bersani. Non dal governo.

«Un patto sulla grazia? Ridicole panzane»

 Nota del Colle sul presunto accordo segreto per «salvare» Berlusconi

Nell’ex Bronx di Milano dove Pisapia batte la paura e mette all’angolo la Lega

Via Padova, dalla rivolta alle feste di strada. Negli anni ’50 e ’60 quelli del Sud si integravano. Il berlusconismo l’ha ignorato e paga dazio. Per placare la rabbia anti-stranieri Maroni mandò i militari. Con l’ascolto, la sinistra ha preso più voti. Un lumbà rd deluso: “Il loro candidato era qui ogni settimana Moratti? Vista in tv a fare promesse”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment