Giornata mondiale contro il razzismo: catena umana in 35 città 

ROMA – In occasione della Giornata mondiale contro il razzismo, mercoledì 21 marzo, alle stessa ora in 35 città  italiane, l’Unar – Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali della presidenza del Consiglio dei ministri, con il patrocinio di Unhcr (Agenzia Onu per i Rifugiati) organizza la prima “Catena Umana” nazionale per dire No a tutti i razzismi. L’occasione è fornita dal ricordo della strage di Sharpeville in Sud Africa, dove il 21 marzo 1960 la polizia sparò sui manifestanti uccidendo 69 cittadini neri in protesta contro il regime dell’Apartheid.

Alle ore 10.30 in punto, nelle 35 città  che hanno aderito all’iniziativa, un variegato popolo anti-razzista fatto di studenti, insegnanti, volontari dell’associazionismo, comunità  straniere, cittadine e cittadini si prenderanno per mano e circonderanno i luoghi-simbolo della cultura italiana, per manifestare pubblicamente il rifiuto del razzismo e della xenofobia.

L’iniziativa principale si svolgerà  a Roma, con il patrocinio del Comune, dove  la “catena” abbraccerà  il Colosseo sulle note della canzone “One love” di Bob Marley, cantata da tutti i partecipanti ed eseguita sul palco da Loredana Errore,  giovane cantante italiana di origini rumene, accompagnata dall’Orchestra “Arcobaleno” della Scuola Media Sperimentale “G. Mazzini” di Roma. Dal palco del Colosseo,  si parlerà  di integrazione, cittadinanza e discriminazione, con gli interventi di saluto di autorità  pubbliche, tra gli altri il Vicepresidente del Parlamento Europeo Roberta Angelilli, il Ministro per la Cooperazione Internazionale e l’Integrazione Andrea Riccardi, la portavoce dell’Unhcr Laura Boldrini, il direttore dell’Unar Massimiliano Monnanni, la Consigliera Nazionale di Parità  Alessandra Servidori, seguiti da letture interpretate da  Mariano Regillo. Vari i momenti di riflessione e testimonianza come quella della sig.ra Ndeye Rokhaya Mbengue vedova di Moudo Samb,  uno dei due ragazzi senegalesi uccisi a Firenze lo scorso 13 dicembre.

L’appuntamento è alla stessa ora, alle10.30 in punto, nelle città  di Agrigento, Arezzo, Bari, Bergamo, Bologna, Brescia, Cagliari,
Catania, Cento, Como, Crema, Ferrara, Firenze, Foggia, Frosinone, Lecce, Lecco, Lodi, Mantova, Messina, Milano, Monza, Palermo, Pavia, Perugia, Ravenna, Roma, Rosarno, Salerno, Sondrio, Torino, Trieste, Varese, Viterbo. In particolare modo a Rosarno il piccolo centro calabrese divenuto tristemente simbolo dello sfruttamento dell’immigrazione clandestina nel nostro Paese per dire “No a tutti i Razzismi”, cittadini italiani e stranieri si terranno per mano circondando il Campo d’Accoglienza, nella Contrada Testa dell’Acqua, con la partecipazione del regista Mimmo Calopresti. La catena Umana è solo una delle numerose iniziative che l’Unar realizza per l’VIII Settimana di azione contro il razzismo, in programma dal 21 al 28 marzo 2012, con il patrocinio dell’Unhcr – Alto Commissariato Onu per i Rifugiati, e degli enti locali partner dell’Unar nell’attuazione di programmi territoriali di contrasto e prevenzione delle discriminazioni.

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Maroni: “Quest’anno oltre 11mila clandestini”. “E la Comunità  Europea non aiuta”

Maroni:

Il ministro dell’Interno alla Camera risponde a un’interrogazione della Lega Nord sull’emergenza legata alla crisi dei paesi del Nord Africa: “In tutto il 2010 ne erano arrivati 4.406, grazie all’accordo con la Libia, che oggi non è più operativo”. Allestita tendopoli a Lampedusa. Nel centro d’accoglienza 2850 persone

Amnesty international. Decreti sicurezza, una fabbrica di migranti irregolari

Ghettizzazione e povertà, nel rapporto «I sommersi dell’accoglienza» emerge il quadro di instabilità che sta cancellando la possibilità di un percorso di inclusione sostenibile

I becchini del Mediterraneo

Certo, lo stile delle autorità  italiane non è più quello di chi incitava ad affondare i barconi dei migranti. E questa volta va dato atto alla Guardia costiera e alla Marina militare di aver compiuto il proprio dovere: ché questo è soccorrere un gommone di migranti alla deriva, come hanno fatto, riuscendo a salvarne settanta su un numero indefinito.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment