I conti alla rinfusa e opachi dei partiti

Nessun altro partito fa certificare il bilancio: semplicemente perché la legge non li obbliga a farlo.
Ai controlli ci pensa un collegio sindacale interno. Il quale è composto normalmente da fedelissimi della segreteria politica e dal tesoriere, che è il vero dominus delle finanze del partito. Tutto in famiglia, insomma, al riparo da occhi indiscreti. Dissociarsi da questa linea, come aveva fatto il Pd ai tempi di Veltroni coinvolgendo qualche controllore esterno, è un atto anch’esso volontario. La legge non prescrive assolutamente nulla circa l’indipendenza dei sindaci.
Vero è che i bilanci devono essere presentati al Parlamento, dove c’è un apposito comitato che ha l’incarico di esaminarli. Si tratta però di una presa d’atto squisitamente formale. Il comitato si limita a verificare che il documento contabile sia stato compilato correttamente, secondo il famoso modulo allegato a quella legge approvata alla fine degli anni 90. Altro non può fare.
Di più. Nonostante i partiti siano finanziati con una valanga di contributi pubblici, la Corte dei conti non ha alcuna possibilità  di metterci il becco. L’unico compito che le è affidato è quello di esaminare i rendiconti delle spese elettorali. Senza però alcun potere sanzionatorio: i magistrati si devono limitare a segnalare al Parlamento eventuali irregolarità . La legge impone poi che i bilanci siano resi pubblici. E ci mancherebbe altro. Finiscono sullaGazzetta Ufficiale e su qualche giornale. Nessuna norma, però, stabilisce che i conti dei partiti debbano essere accessibili pure su Internet. Con il risultato che talvolta si è costretti a una specie di caccia al tesoro per rintracciarli. La forma, come sempre, è salva. La sostanza molto meno.
Si potrebbe continuare ricordando che con un decreto «mille proroghe», varato poche settimane prima delle elezioni politiche del 2006, è stata portata a 50.000 euro la soglia al di sotto della quale un contributo privato a un partito può restare comodamente anonimo. Ma già  ce ne sarebbe abbastanza per pretendere che la legge sui bilanci delle organizzazioni politiche venga cambiata con la velocità  del fulmine, introducendo controlli reali su come i nostri soldi vengono spesi. In Parlamento ci sono già  delle proposte in tal senso. Perché non si tolgono dai cassetti e non vengono immediatamente discusse? La fiducia nei partiti da parte dei cittadini è già  ai minimi storici: la maleodorante storia dei soldi della Margherita può essere una mazzata letale.


Related Articles

Epifani: “Regole nuove ma primarie aperte”

Renzi al Colle: non siluro Letta. Barca: nel Pd c’è odio. E Casini divorzia da Monti 

Il premier non sarà  in lista Offrirà  un’agenda ai partiti

Proposta aperta a ogni forza politica E chi aderirà  potrà  usare il suo nome

Marianna Madia ce la fa e scherza: tre voti erano sicuri

 La giovane precaria che ha (stra)vinto: la campagna sul web

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment