Il razzismo da stadio costa poco così l’Italia rinuncia alla battaglia

Ventimila euro di multa alla Lazio per i buu scimmieschi della Curva Nord a Juan: il più classico dei “chissenefrega”. E così che il calcio italiano si batte – anzi non si batte – contro il razzismo negli stadi. Facendo finta di nulla e pronunciando frasi di circostanza. Qualche esempio? Giancarlo Abete, presidente Figc: «I comportamenti razzisti sono inaccettabili ma non facciamo di tutta l’erba un fascio». Marcello Nicchi, numero uno degli arbitri: «Dobbiamo combattere questa vergogna, ma l’arbitro non ha la facoltà  di sospendere la partita, questa decisione la deve prendere chi è preposto». Damiano Tommasi, sindacalista dei calciatori: «Fermare la partita? Bisogna capire se sia giusto fermare uno spettacolo a discapito di tutti o se sia meglio colpire quei pochi che si comportano in modo incivile. In ogni caso la solidarietà  dei calciatori non è mancata». E così via. C’è uno che abbia detto, «eh, no cavolo bisognava fermarsi almeno un minuto, condannare quel gesto pubblicamente, stringersi intorno a Juan»? No, non c’è. Forse le parole più dure sono arrivate da Reja: «Detesto queste cose, quei buu non mi sono piaciuti. Ma ho apprezzato che Matuzalem, Dias e Klose abbiano abbracciato Juan». Addirittura ignorati, invece, i cori della curva romanista contro Diakitè. 
La multa lava la coscienza di tutti, quattro soldi e via, ufficialmente sanziona quel coro spregevole anche agli occhi dell’Europa – l’Uefa è molto più sensibile e dura in questi casi – ma non fa male. E anzi si va persino indietro: la Juve nel maggio 2009 giocò a porte chiuse contro l’Atalanta, e nel gennaio 2010 curva chiusa con la Roma in Coppa Italia. Sempre per cori contro Balotelli. Oggi non è passato per la testa a nessuno. 
In Inghilterra si sta combattendo una battaglia feroce sul razzismo: Suarez è stato squalificato 8 giornate per insulti a Evra dello United, il City ha fatto denuncia all’Uefa per cori dei tifosi del Porto contro Touré e Balotelli, le stesse dimissioni di Capello si riconnettono al caso Terry, (ex) capitano dell’Inghilterra che ha insultato Anton Ferdinand del Qpr. In Italia la tensione è calata. I buu a Juan sono stati innescati da una normale azione di gioco, segno che l’automatismo è immediato, e si sono propagati rapidamente quasi a tutta la Curva. Non erano poche decine che urlavano, ma tantissimi forse migliaia. Per cui ogni considerazione sui “pochi” che si abbandonano a comportamenti del genere cade. Il razzismo da stadio – dagli insulti a Zoro a quelli a Balotelli – non è un fenomeno debellato, anzi. Quest’anno multe hanno colpito Inter, Juve, Lazio, Siena, Verona, Atalanta, Fiorentina e così via. Ma multe appunto. E basta.
Se Juan si è rivolto alla curva per dire “zitti” e poi al quarto uomo per chiedergli se avesse sentito, in campo non è quasi accaduto nulla: l’altoparlante ha dato un avvertimento, Matuzalem si è rivolto alla curva per dire di smetterla, l’arbitro Bergonzi ha proseguito il match come se nulla fosse, giocatori e allenatori non hanno chiesto alcuno stop. Eppure l’arbitro Tagliavento nell’ottobre 2010 in Cagliari-Inter, dopo alcuni buu contro Eto’o e sollecitato dall’ufficiale di sicurezza, convocò i capitani e minacciò la sospensione. Esiste una norma (art. 62 comma 6 Norme Organizzative Interne della Figc) che dice così: “Il responsabile dell’ordine pubblico…. il quale rileva uno o più striscioni esposti dai tifosi, cori, grida ed ogni altra manifestazione discriminatoria costituenti fatto grave, ordina all’arbitro, anche per il tramite del quarto ufficiale… di non iniziare o sospendere la gara”. E’ solo apparenza: la norma c’è e nessuno fa mai qualcosa.


Related Articles

Salvini blocca un’altra nave della Guardia costiera

A bordo 135 migranti. Il ministro: «Non sbarca nessuno finché l’Ue non li distribuisce»

In Puglia brucia il Ghetto di Rignano, due migranti muoiono

Puglia. Le vittime sono due ragazzi del Mali sorpresi nel sonno dalle fiamme. Nel campo era in corso lo sgombero deciso dalla Dda

Iran Condannato a morte, salvato dalla madre della vittima

Iran. L’episodio rilancia l’attenzione sul caso Reyhaneh Jabbari, 26enne condannata a morte per l’omicidio, sette anni fa, di un funzionario del ministero dell’Intelligence che aveva tentato di violentarla

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment