Italia: Coca-Cola resta a Rosarno

La vostra azienda fa riferimento alla riapertura del dialogo con le aziende interessate ‘al fine di ripristinare collaborazioni durature e reciprocamente sostenibili’. Cosa cambia rispetto al passato?

Abbiamo confermato la nostra intenzione di lavorare con i fornitori locali di succo di frutta e di discutere con loro prospettive di collaborazioni durature e reciprocamente sostenibili nel tempo.

Il presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti ha parlato di ‘tutela e valorizzazione’ della produzione agrumicola locale. La Coca-Cola importerà  dall’estero le sue arance?

No. Il 100 percento del succo di arance che utilizziamo in Italia per Fanta proviene e continuerà  a provenire da produttori italiani.

Come è possibile scoraggiare il lavoro nero, se è quello più economico (si parla di costi di raccolta di 6-7 centesimi al chilo)?

Da molti anni lavoriamo per sostenere pratiche di lavoro corrette nella nostra supply chain. Le nostre linee guida per i fornitori, parte integrante dei nostri contratti, includono le nostre aspettative riguardo al rispetto della legislazione e alle pratiche dei diritti umani sul posto di lavoro. Tutti iI nostri fornitori diretti sono oggetto di audit regolari per garantire il rispetto di tali impegni, inclusi i nostri fornitori di succo in Italia. Certo non possiamo sistematicamente controllare ogni singolo consorzio e coltivatore indipendente lungo la filiera ma i nostri fornitori di succo hanno dichiarazioni da un ampio numero dei consorzi che li riforniscono che attestano la loro conformità  alle leggi e alle nostre linee-guida. Di fronte alle situazioni che sono emerse in recenti articoli di stampa, siamo intenzionati a considerare verifiche ispettive più dettagliate e collaboreremo naturalmente con i nostri fornitori locali, le autorità  e le parti interessate per affrontare ogni risultato rilevante.

E’ possibile aumentare la percentuale (12 percento) del succo di arancia in bevande come la Fanta?

Fanta in Italia ha un contenuto di succo d’arancia più elevato che altrove e corrisponde al gusto dei consumatori italiani.

Di particolare rilievo è la volontà  di lavorare con le autorità  locali in merito alle attività  di accoglienza e integrazione dei lavoratori immigrati. Si potrebbe ragionevolmente definire un evento rivoluzionario, se la Coca-Cola investisse in strutture o attività  di accoglienza. Di cosa parliamo, in concreto?

Abbiamo espresso la volontà  di discutere con le autorità  e altri attori locali, i soli esperti di ciò che va fatto per accogliere i lavoratori immigrati, il ruolo che un’azienda come la nostra potrebbe svolgere. a sostegno di quanto già  avviene. La nostra azienda ha una lunga tradizione di filantropia e corporate social responsibility e aiuta un gran numero di associazioni e NGOs nel mondo intero, in particolare attraverso la Coca-Cola Foundation. Per più dettagli, invitiamo a consultare il sito www.thecoca-colacompany.com.


Related Articles

Il lavoro degli immigrati più precario e più sfruttato

EDILI Indagine Ires-Fillea (Cgil): il settore mai così in crisi. Più disoccupazione, Cig e lavoro nero. La paura del futuro dei migranti-edili. Molti cambiano paese

Quello strappo con la FIAT

Maggio in Italia è mese di relazioni e rapporti annuali. E capita che a ognuno di essi venga applicato il «governometro» , la misurazione spannometrica delle distanze che intercorrono tra le parole del relatore e le scelte dell’esecutivo in carica. E’ accaduto con il presidente dell’Istat Enrico Giovannini e il rito si è ripetuto ieri con Emma Marcegaglia. Eppure la numero uno di Confindustria era stata esplicita: abbiamo buttato a mare un decennio e non solo l’ultima mezza legislatura.

Processo Eternit-bis alla Consulta

Imputato il magnate svizzero Schmidheiny per i 258 morti a causa dell’amianto

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment