La linea: abbassare i toni puntando sul fattore tempo

ROMA — Il Pd toglie il piede dall’acceleratore. Pier Luigi Bersani incontra Giorgio Napolitano e i toni del leader del Partito democratico si abbassano.
Il presidente della Repubblica spiega al segretario che non si può mettere a rischio il governo, Bersani annuisce e in serata rilascia dichiarazioni concilianti: «Non staccheremo la spina a Monti per la questione del lavoro». Poi, in privato, il segretario spiega: «Sarà  lunga, finché non si arriva in Parlamento saranno tutte chiacchiere a vuoto».
A questo punto il Partito democratico punta tutte le sue carte sulla moral suasion del capo dello Stato che è contrario all’idea di inserire la riforma in un decreto. «Questo — è il ragionamento che viene fatto a Largo del Nazareno — ci permetterà  di prendere tempo. Non trattandosi di un decreto, il provvedimento arriverà  in aula al Senato tra un mese e mezzo-due mesi, quindi ci sarà  tutto il tempo per trattare e per svelenire il clima».
Per questa ragione Bersani e i suoi hanno attenuato la polemica. La linea ora è sostanzialmente questa: «Il governo ha fatto un passo avanti, ora vediamo come migliorare il resto». Sono le parole che ripetono sia Cesare Damiano che Andrea Orlando. Beppe Fioroni, poi, sprizza ottimismo da tutti i pori. Più cauto Walter Veltroni, che però ha fiducia in Monti: «Non ci chiederà  di prendere o lasciare». Anche per l’ex segretario il provvedimento va migliorato in Parlamento. Secondo Veltroni «sarebbe stata molto meglio e più di sinistra la proposta Ichino che prevedeva la riforma dell’articolo 18 per i nuovi contratti», «ma nel mio partito ci sono state molte resistenze…» commenta amaro l’ex leader, conversando con alcuni colleghi di partito.
Chi invece sembra inflessibile è Stefano Fassina: «Il governo non si è dimostrato all’altezza. Le precisazioni che vuole mettere nel testo riguardo ai licenziamenti per motivi economici non risolvono il problema. Sostanzialmente non cambierebbe niente: si tratta solo di un “window dressing” da parte del governo». Il «franceschiniano» Antonello Giacomelli ironizza così sulla linea dura di Fassina: «È più facile convincere la Camusso che lui». Ma anche Matteo Orfini è tra i pasdaran del Pd: «È stato il governo a far saltare il tavolo, il nostro sì non è scontato», accusa il dirigente bersaniano.
Però quasi metà  del partito — da Enrico Letta a Veltroni, passando per Paolo Gentiloni e Fioroni — la pensa diversamente da Fassina e Orfini e spera che grazie al passar del tempo il Pd riesca a staccarsi dalla Cgil e ad aprire un confronto con la Cisl. Del resto, proprio l’altro ieri Bonanni ha parlato con Bersani. Il segretario della Cisl ha chiesto al suo interlocutore di darsi da fare: «Diteci qual è il vostro punto di caduta, diteci su quale accordo volete mettere la faccia e ce la metteremo anche noi, solo così riusciremo a ottenere qualcosa, non andando appresso ai no della Cgil».


Related Articles

2013, ALTRO CHE I MAYA

Dopo che siamo sopravvissuti – lo scorso 21 dicembre – alla annunciata fine del mondo, non ci resta ora che cercare di prevedere – con ragionamenti prudenti ma più cartesiani – il nostro futuro immediato. Basandoci sui principi della geopolitica, una disciplina che permette di comprendere il gioco complessivo delle potenze e di valutare i principali rischi e pericoli. Per anticipare, come su una scacchiera, le mosse di ogni potenziale avversario.

Rinviate le norme sui dipendenti statali

Da novembre a oggi mai applicato il licenziamento per chi rifiuta di trasferirsi

Vincoli più leggeri ai Comuni virtuosi

Si studia un allentamento del patto di stabilità interno per gli investimenti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment