Obama a Putin: abbiamo più atomiche del necessario, riduciamo gli arsenali

Barack Obama e Dmitrij Medvedev si incontrano a Seul, a margine dell’annuale vertice internazionale sulla sicurezza nucleare, e constatano che i progressi auspicati nel loro famoso incontro all’inizio dei rispettivi mandati – quello del “reset” – non sono stati poi un granché. Vero che, come ha detto il presidente russo, in carica ancora solo per un mese, il triennio trascorso ha visto i rapporti fra i due paesi «al massimo storico», ma è un massimo ancora basso, senza accordi sul punto più dolente, il progettato sistema antimissile americano in Europa. E con un accordo generale di riduzione degli arsenali strategici che lascia molto a desiderare. Due punti su cui i russi si aspettavano molto da Obama (e forse Obama stesso sperava di potersi spingere oltre) ma che hanno visto in questi anni una immutata rigidità  da parte del Congresso Usa, al cui interno la massiccia presenza di falchi oltranzisti fa sì che la Russia continui ad essere vista come un nemico, né più né meno che ai tempi dell’Urss. Per limitarci alla questione più clamorosa, ai limiti dell’assurdo, nonostante le promesse di Obama il Congresso ancora non ha accettato di rimuovere l’emendamento Jackson-Vanik, che dagli anni ’70 limita il commercio di tecnologia americana verso Mosca per «punire» i limiti all’emigrazione degli ebrei russi (limiti scomparsi da più di vent’anni).Non essendo riuscito a fare granché in questo suo primo mandato, Obama non ha potuto far altro che promettere a Medvedev di essere «più flessibile dopo la rielezione» (parole colte in un fuorionda da FoxTv), con l’interlocutore che risponde «Ti capisco. Ne parlerò a Putin». E già , perché a questo punto le carte cambiano non poco: il ritorno di Vladimir Vladimirovic al Cremlino, con una carica di aggressività  internazionale in più visto il trend nazionalista che cresce in Russia, significherà  molto probabilmente un nuovo cambio di passo della diplomazia, con posizioni più rigide su molti terreni.
Di questo il presidente americano si rende conto: anche se ha incontrato Putin solo una volta, sa benissimo che parlare con lui sarà  più complicato (ieri parlando a Medvedev ha detto che «non avrei potuto augurarmi un partner migliore di Dmitrij per le nostre relazioni»). E quindi ha voluto anche lanciare un segnale al presidente entrante, annunciando di voler parlare con Putin della riduzione degli arsenali nucleari, quando lo incontrerà  a maggio durante il G8 a Camp David: «Abbiamo più missili e bombe del necessario e possiamo ridurre i nostri arsenali senza mettere in pericolo le nostre difese strategiche», ha detto Obama. Ma difficilmente a maggio il presidente americano sarà  in grado di fare proposte nuove, e sui temi vecchi già  si sa che non è in vista nessun progresso: non ci sarà  un vertice Nato-Russia a lato del summit atlantico che deve varare nuove iniziative di difesa europea legate al controverso «scudo».
Obama a Seul ha dedicato molto tempo e molta attenzione alle questioni che assillano maggiormente gli Usa, in materia di armi nucleari: l’Iran e la Nord Corea (entrambi assenti dal vertice, peraltro). E se sull’Iran il presidente americano non ha trovato sponde disponibili per rilanciare qualche iniziativa, sulla Nord Corea c’è stata un’importante discussione con il presidente cinese Hu Jintao, il quale ha detto di sperare che Washington e Pyonyang tengano aperto il dialogo, mentre per parte sua «la Cina è pronta a mantenere uno stretto coordinamento e comunicazione con le parti». Il giorno prima Obama aveva apertamente rimproverato Pechino di «non fare abbastanza» per impedire le provocazioni dei nordcoreani.


Related Articles

Il ricercato al-Bashir a Tripoli

Una delle ragioni per cui il nuovo governo libico si era impuntato e aveva detto no al procuratore capo della Corte penale internazionale sbarcato a Tripoli in novembre per chiedere il trasferimento all’Aja di Saif al-Islam Gheddafi, era che il processo a carico del figlio del Colonnello poteva benissimo svolgersi a Tripoli, nella nuova Libia democratica e rispettosa dei diritti umani, con tutte le garanzie del caso.

Putin candida Sisi a presidente

? Al Sisi © Reuters

Egitto-Russia. L’investitura russa per il generale golpista, a Mosca per aiuti militari. Usa out

Mediterraneo in chiave black

Convegni e volumi sui rapporti tra l’Italia e il continente africano. L’ambasciata del Congo nella Roma papalina del Seicento e i pregiudizi razzisti al tempo del fascismo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment