Quei massacri umanitari e le industrie di armi

Se c’è qualcuno che si è avvantaggiato realmente di queste operazioni squisitamente belliche sono stati l’industria militare statunitense, quella planetaria e i talebani.
Le vittime di queste guerre ancora una volta sono stati, quasi esclusivamente, civili innocenti. L’ ultimo episodio di un militare «impazzito» che ha massacrato 16 civili afghani nel sonno è stato definito dall’amministrazione americana: «un atto inspiegabile», qualcun altro avrà  sicuramente pensato di definirlo: «una tragica fatalità », come il rogo delle copie del Corano, come l’urinare sui «cadaveri nemici», come le migliaia e migliaia di civili fatti a pezzi per «errore» o perché scambiati per terroristi.
Il giornale britannico The Guardian mercoledì scorso ha riportato il seguente commento del Generale statunitense Stanley McChrystal, già  comandante delle truppe Nato in Afghanistan: «Abbiamo ammazzato un impressionante numero di persone, ma a mia conoscenza, di nessuna di esse si è provato che costituisse una minaccia».
Le guerre di oggi sono questo: massacri, crimini e torture. Ogni riferimento ad Adolf Hitler per giustificarle è un’offensiva idiozia. Ieri come oggi ci sono altri mezzi per fermare tiranni e tirannelli, a patto di scontentare i fabbricanti di armi.


Related Articles

Ucraina. Andrea Rocchelli ucciso da Kiev, arrestato un «italo-ucraino»

Ucraina. Svolta nelle indagini: il fotoreporter italiano colpito deliberatamente dall’esercito ucraino. L’accusato «ribelle» a Majdan. Dalla famiglia rogatoria all’Ucraina, ma si teme un insabbiamento

I predatori della Libia

La Libia possiede quasi il 40% del petrolio africano, prezioso per l’alta qualità e il basso costo di estrazione, e grosse riserve di gas naturale

Nuova strage di copti in Egitto, bambini tra le 28 vittime

Egitto. Alla vigilia del mese di Ramadan, uomini armati hanno attaccato un autobus carico di pellegrini cristiani

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment