Tribunal 12, Europa alla sbarra

L’iniziativa è nata nell’ambito del progetto International Cities of Refuge Network (Icorn), in collaborazione con la città  di Stoccolma e il Forum svedese per i Diritti Umani. Ma l’evento sarà  di respiro tutto europeo. Chi scappa dalle guerre in cerca di asilo in Europa non ha vita facile. Secondo gli ultimi dati Eurostat, lo status di rifugiato viene riconosciuto in media solo a uno su tre richiedenti asilo. Sono difficilissime le condizioni in cui sono costretti a vivere in Europa i migranti irregolari, cui molti paesi non accordano nemmeno il diritto di accesso alle cure mediche. Per non parlare dei respingimenti nel paese di origine, che spesso avvengono in palese violazione delle Convenzioni sui diritti umani. Quattro sessioni Tribunal 12 auspica un cambiamento in un sistema che espone i migranti a sistematiche e disumane violazioni dei loro diritti. Attraverso quattro sessioni tematiche – controllo dei confini, processo di asilo, migranti irregolari e detenzione e deportazione – il tribunale metterà  a nudo i meccanismi che permettono che in Europa si verifichino violazioni tanto gravi. E una giuria di eccellenza avrà  il compito di individuare le responsabilità  morali, legali e politiche, perché, spiega Anneli Bà¤ckman, producer del progetto, il trattamento dei migranti è un problema che va ben oltre la sfera giuridica. Per questo motivo, del ruolo di giudici saranno investiti intellettuali di fama internazionale, provenienti da diversi settori disciplinari. Ci saranno la scrittrice e attivista egiziana Nawal el Saadawi, la sociologa olandese Saskia Sassen (Columbia University di New York), lo scrittore somalo Nuruddin Farah, il filosofo siriano Sadik J. Al-Azm, lo scrittore svedese Henning Mankell, l’attivista iraniana Parvin Ardalan e il giurista indiano B. S. Chimni. Durante ciascuna sessione verranno esaminate le prove raccolte da ogni angolo d’Europa – a proposito, chi dall’Italia volesse contribuire con testimonianze o storie può già  farlo semplicemente collegandosi al sito tribunal12.org . Dopo l’analisi delle prove e un dibattito aperto, la giuria pronuncerà  il verdetto finale. Il tutto sarà  accessibile al pubblico e trasmesso in streaming sul web. Diverse città  europee hanno organizzato manifestazioni di supporto e proiezioni in diretta dell’evento. Tribunal 12 è nato ispirandosi al Tribunale Internazionale sui crimini di guerra istituito nel 1966, che, nelle parole del suo illustre fondatore, Bertrand Russell, era nato innanzitutto per «prevenire il crimine del silenzio». Che sia di buon auspicio.


Related Articles

Geopolitiche. Il vertice Russia-Cina non fa notizia

Mentre celebravano l’incontro tra Trump e i leader europei della Nato nell’anniversario del D-Day, i grandi media hanno invece ignorato quello, ben più rilevante, svoltosi a Mosca tra i presidenti di Russia e Cina, Vladimir Putin e Xi Jinping

Adesso Pechino riscopre la diplomazia del ping-pong

Università  per “formare” stranieri che possano sfidare i maestri cinesi. Come nel ’71 il regime punta sul suo sport-simbolo per allacciare contatti.  Anche Obama si era piegato alla “basket diplomacy” quando al G2 volle accanto il super asso della Nba Yao Ming. Aprirà  a Shanghai l’Accademia cinese che recluterà  i 200 migliori giocatori del resto del mondo per farli allenare con i campioni nazionali 

I socialisti frenano l’onda populista ora è battaglia per la Commissione

Il fronte anti-Ue potrebbe raggiungere 140 seggi, ma non supera quota 20% e si ferma sotto i timori della vigilia. I partiti tradizionali, pur perdendo voti, si spartiranno i posti di comando. I Popolari mantengono la maggioranza relativa

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment