Articolo 18, Direttivo diviso

L’ora più difficile della Cgil è stata affrontata da un Direttivo nazionale mai così perplesso e diviso. La relazione introduttiva del segretario generale, Susanna Camusso, ha sollevato problemi anche tra i suoi fedelissimi, senza peraltro che arrivassero a partorire un voto contrario. Del resto liquidare la vicenda dell’articolo 18 come «un vero passo indietro del governo» è stato un boccone duro da mandar giù. Anche il «camussiano» di ferro Onorio Rosati, segretario milanese che il giorno prima aveva giodato uno sciopero generale cittadino, se ne sarebbe uscito con un dubbioso «non posso tornare a Milano dicendo che il 18 va bene così». Tutto il paese – e soprattutto tutti gli iscritti alla Cgil hanno sentito il premier Mario Monti sillabare con durezza che il reintegro, con questa «riforma», diventa un evento «estremo e improbabile». Tutt’altro che una garanzia, insomma.
Non che siano mancate le critiche all’esecutivo. Anzi, «manca l’equità » e «cambiare le politiche del governo» è un obiettivo fondamentale della Cgil. Il 10 maggio viene lanciata una mobilitazione «contro la precarietà », per esempio. Ma i punti messi al centro delle prossime iniziative parlano di «redistribuzione fiscale», «contrasto all’evasione e al sommerso», «lotta alla corruzione» e un «piano per il lavoro». Il mercato del lavoro e le sue radicali trasformazioni sono già  archiviate tra i fatti compiuti e non più modificabili.
La stella polare del futuro prossimo è nel rapporto con Cisl e Uil, con cui andrebbe concordata una «mobilitazione unitaria con al centro il tema del fisco». Ma qui si è verificato un chiaro pasticcio: come si fa a pensare a uno sciopero generale su fisco, insieme a Cisl e Uil, e contemporaneamente mantenere ferme – come è stato detto – le «16 ore di sciopero comprensive di una scadenza generale di 8» della sola Cgil sul ddl? Inevitabilmente, vien da pensare che la seconda verrà  lasciata cadere a favore di quella unitaria. E con ciò anche il tema del mercato del lavoro.
Tra i tempi ritenuti centrali da Camusso, per quanto possa risultare soprendente in un sindacato, c’è però anche «il problema dell’antipolitica» che monta nel paese. Con trasparenti riferimenti «oggettivi» al rapporto con il Pd; quasi la riproposizione di uno schema che somiglia – in pallido – alla storica «cinghia di trasmissione».
Le perplessità  hanno prodotto alla fine una pioggia di emendamenti. Alcuni «finti», come si usa dire in gergo. Altri «veri», che però non sono stati accettati dalla segreteria. Il principale è stato presentato da Nicola Nicolosi, membro della segreteria confederale e coordinatore dell’area Lavoro e società , insieme a Domenico Pantaleo, segretario della Flc. Chiedevano di mantenere un «giudizio negativo sulla nuova formulazione dell’art. 18», visto che al Senato si sta ancora discutendo sugli emendamenti proposti dalla stessa Cgil («il giudice «deve reintegrare sul posto di lavoro» invece di «può»). 
L’emendamento più insidioso per la maggioranza è stato presentato dalla federazione dell’Emilia Romagna, che parlava di «inadeguatezza del risultato raggiunto» sul ddl. Non una condanna, ma nemmeno un’approvazione. E tanto è bastato a far sospendere a lungo il Direttivo alla ricerca di una «quadra» accettabile per tutti. 
L’area «La Cgil che vogliamo», che può contare su dirigenti importanti come Maurizio Landini, segretario generale della Fiom, Gianni Rinaldini, Francesca Redavid (che è intervenuta illustrando un «giudizio globalmente negativo» su come è stata gestita la partita e, ovviamente, sul «risultato») non ha proposto nessun emendamento, preannunciando un voto interamente contrario e negativo. Nonché la prosecuzione dell’ondata di mobilitazioni già  in atto, anche insieme ai movimenti sociali che hanno condiviso l’appuntamento di Bologna, sabato scorso, ed altri che vanno in direzione simile. 
Caustico più di altre volte Giorgio Cremaschi, che ha definito addirittura «Cgil, Cisl e Uil una stampella del governo; ci si mobilita solo per far evedere che si esiste e non davvero contro». Poi, in tarda serata, le votazioni, su cui riferiremo domani.


Related Articles

Alexis,la prova del fuoco ora 127 misure d’austerità da far digerire al paese

Le prossime settimane ci diranno subito se il governo rosso-bruno Syriza-Anel riuscirà senza intoppi – sfruttando l’abbrivio elettorale – a far digerire alla Grecia la drammatica dose di tagli

Nel Def dei miracoli gialloverde si torna alla vecchia ricetta: privatizzare

Finalmente pubblico e in parlamento il documento Nel 2020 e 2021 restano le clausole di salvaguardia.

La ricetta del contro-Cernobbio: ci salveremo con più Stato

Gli economisti anti-liberisti dei movimenti di “Sbilanciamoci” chiedono un ritorno a Keynes: la crisi si risolve con l’intervento pubblico

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment