Blocco anche a Roma Corteo a Catania

È una sede della Sirti, la società  che da oltre 90 anni costruisce fisicamente le reti telefoniche, prima come Stet (Iri, proprietà  pubblica) poi privatizzata insieme a Telecom. Non solo nel paese, ma anche altrove; in Libia, per esempio, dov’è andrà  a completare l’opera iniziata con Gheddafi. Lo striscione, manco a dirlo, è della Fiom. Protestano contro una società  ormai proprietà  di una holding la cui intera partecipazione è in pegno a IntesaSanpaolo; che «nel 2008 ha effettuato il delisting dalla Borsa, con un dividendo da 220 milioni di euro agli azionisti ma che ora è esposta verso le banche per 470». Soprattutto, che congela persino gli aumenti contrattuali del «contratto separato» del 2009 (senza la Fiom); che nel 2010 ha chiesto la cassa integrazione straordinaria per 600 dipendenti con un accordo separato (con Cisl e Uil, ovviamente); nel 2011 ne ha chiesti altri due per 760, ma con un accordo unitario che perevedeva anche i contratti di solidarietà ; ma ora ha chiesto – senza contrattare con nessuno – l’estensione a 1.000 persone, ma «per crisi e senza rotazione». Ossia licenziamenti.
Nel frattempo, subappalta gran parte delle commesse. E qui pesa anche il comportamento di Telecom, spiegano, perché «ogni anno apre aste con ribassi del 10-15%». Risultato: la rete non vede investimenti e presenta problemi sempre più numerosi («quando non vi funziona l’Adsl è perché non c’è abbastanza banda disponibile, i cavi stesi non bastano»). Raccontano come il «modello Marchionne» venga sbandierato in azienda come la «soluzione finale». E infatti la gente da mettere in cig è in genere iscritta alla Fiom, oppure è scelta tra quanti partecipano agli scioperi.
Ad Ancona, il giorno prima, altri operai della società  hanno bloccato la strada davanti alla sede; a Lago Patria (Napoli) sono saliti in sette su una gru. Una settimana fa, in occasione del presidio nazionale sotto il ministero del lavoro, durante un incontro con i sindacati, sono stati caricati e manganellati dalla polizia. Ieri a Catania sono andati in corteo da piazza Roma alla prefettura. È la ribellione al declino di un’azienda a tecnologia avanzata, che opera in un settore strategico, ma è guidata con il metro tipico una classe imprenditoriale senza più «spinta propulsiva»: ridurre il costo del lavoro, poi si vedrà …


Related Articles

Prelievo del 5-10% per due anni sui redditi oltre 90.000 euro

Addizionale Irpef per gli autonomi  Il Fisco  Rendite finanziarie tassate al 20%. Mini-tassa sul fumo.   Aumentano le imposte sugli investimenti di tipo azionario, mentre sono escluse le emissioni pubbliche. Una prima bozza ipotizzava un prelievo per le partite Iva oltre i 55 mila euro di reddito. Aumentano le accise sul tabacco ed anche le tasse su alcuni giochi che vengono gestiti dallo Stato

E il Tesoro offre titoli di Stato direttamente alle famiglie saltando le aziende di credito

Tremonti tenta una nuova carta: il trading on line.  Strada percorsa già  in altri Paesi. Il risparmiatore potrà  passare all’ordine dal suo computer. Banche sospettate di non voler più comprare i Bot come prima, e di fare concorrenza 

Garanzie e bond, il piano per difendere l’euro

La proposta dell’Italia al G8, il ruolo della Bce e l’utilizzo del fondo salva Stati

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment