Il pentito del Nord e i politici collusi Così la ‘ndrangheta contagia l’Italia

Ci sono tante storie che possono raccontare come la ‘ndrangheta sia un fenomeno non più solo calabrese, ma nazionale e oltre. Un virus che non conosce confini e crea dipendenza, secondo la descrizione di un pentito: «È come la droga per un drogato, ti entra nella pelle. Acquisisci la sua mentalità , la sua durezza, la sua cattiveria. Vorresti sempre di più, diventi sempre più spietato». 
Parole che valgono molto, perché quel pentito è nato in Lombardia da genitori arrivati dalla punta dello stivale. E tratteggiano lucidamente la sete di ricchezza e potere che muove gli affiliati e l’intera organizzazione. Non a caso quella del collaboratore di giustizia Antonino Belnome è una delle prime storie narrate da Giuseppe Pignatone e Michele Prestipino — il primo neoprocuratore di Roma dopo quattro anni alla guida della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria, il secondo procuratore aggiunto di Reggio, entrambi con una lunga esperienza palermitana alle spalle — nel libro che hanno appena pubblicato. Significativamente intitolato Il contagio e curato dal giornalista Gaetano Savatteri. 
È un dialogo nel quale i due magistrati illustrano le nuove forme assunte dalla ‘ndrangheta, così come le loro inchieste le hanno svelate: dalla struttura unitaria e verticistica dell’organizzazione alle collusioni con la «zona grigia» in cui si annida la cosiddetta «borghesia mafiosa». 
Una formula utile a definire il modo in cui «professionisti, imprenditori, pubblici amministratori e rappresentanti delle istituzioni sono assieme ai capimafia al comando di un blocco sociale, cioè di un sistema relazionale esteso anche gli strati popolari», spiega Prestipino. Il quale subito dopo precisa: «Noi non siamo sociologi né analisti politici, ma le nostre indagini fanno emergere esattamente questa complessità ». 
Tra i vari settori in cui si consuma la contaminazione il principale è l’economia, dove si movimenta e si accumula il denaro, fonte principale del potere: «Nelle faccende di mafia dietro gli affari economici c’è sempre il problema dei rapporti di potere; più potere più denaro, più denaro più potere», dice Pignatone per illustrare la spirale che determina l’espansione e fa guadagnare prestigio, oltre che soldi. Ancora una volta sono le piccole storie a smascherare i grandi meccanismi; come quella degli appalti per il movimento terra in Lombardia, decisi in una riunione tenuta a San Luca, piccolo comune alle pendici dell’Aspromonte, dal boss Antonio Pelle dopo una riunione con due ‘ndranghetisti arrivati appositamente dal Nord. 
Il controllo sulle attività  imprenditoriali è un modo per gestire, in Calabria e altrove, il mercato del lavoro. Cioè una delle leve del consenso sociale. E dunque, ancora una volta, del potere: «Chi ha il lavoro ha il potere, se non hai lavoro non hai potere», riassumono i familiari di un detenuto intercettati. Tradotto significa applicare le regole mafiose in luogo della libera concorrenza, per gestire e rafforzare il comando. Com’è accaduto quando un consorzio di ditte arrivate da fuori vinse l’appalto per un tratto della statale Reggio-Taranto, e fu costretto a ripartire i sub-appalti tra le aziende facenti capo a due cosche locali. 
Ciò è possibile anche grazie ai rapporti (leggi collusioni e protezione reciproca) con la classe politica, che in Calabria sono più diretti che in Sicilia. Quasi sfacciati, al punto che candidati ed eletti, spesso, sono espressione diretta dei clan. I quali hanno imparato a far crescere al proprio interno, con le nuove generazioni, personale istruito con accesso immediato alla «zona grigia» dove si coltivano le relazioni. Più mediati e nascosti — ma non sempre, talvolta anche quelli avvengono quasi alla luce del sole — sono invece i contatti con esponenti delle forze di polizia, degli apparati di sicurezza, della magistratura.
Tutto questo, rapporti con informatori dei servizi segreti compresi, è emerso in quattro anni di inchieste condotte dal procuratore Pignatone, dall’aggiunto Prestipino e da una schiera di giovani magistrati che hanno lavorato e continuano a lavorare a Reggio Calabria. Con un metodo che consiste nel puntare più all’associazione mafiosa responsabile del traffico di droga che sulla singola partita, anche ingente, da sequestrare. In passato, spiegano i due magistrati, si faceva largo uso di confidenti che restano ‘ndranghetisti e orientano le indagini in base ai propri obiettivi, magari facendo trovare un carico di armi o arrestare un latitante. Meglio invece cercare i pentiti che rompono con l’organizzazione, le cui dichiarazioni vanno comunque riscontrate; è meglio catturare un ricercato scavando nei rapporti interni alle cosche piuttosto che attraverso una soffiata. 
Così s’indebolisce la struttura criminale dal lato giudiziario, e si contribuisce a contrastarla anche sul piano culturale. Con il Sud che diventa esempio per il Nord. Perché se a Como, non a Corleone o nella Locride, qualcuno ha danneggiato la targa in memoria di Falcone e Borsellino, a Rosarno, nella piana di Gioia Tauro, la figlia diciassettenne di un boss ergastolano ha scritto in un tema scolastico: «Ho conosciuto la legalità  tramite le conseguenze dell’illegalità . Dalla storia di papà  ho capito che quando si sbaglia o si frequentano brutte compagnie, redimersi e immettersi sulla giusta via è una cosa che deve essere fatta prima che sia troppo tardi, prima che tutto sia perduto».


Related Articles

Pandemia. Oxfam Italia: «Da questa situazione si esce con lo stop ai brevetti»

Sara Albiani, responsabile salute globale di Oxfam Italia. Anche l’India ha sospeso tutte le esportazioni per soddisfare il fabbisogno interno di vaccini, «questa storia sta cominciando ad assumere i contorni di una guerra, ma bisogna capire che la vittoria di uno solo significherebbe la sconfitta di tutti»

Coronavirus in USA. Trump lascia soli gli Stati, stato d’emergenza a New York

Negli Usa manca la guida federale, mentre il presidente minimizza e la sua amministrazione rifiuta i tamponi dell’Oms

Morire davanti al ministero per una malattia dimenticata

PROVIAMO a fare a meno della retorica, e a dire la verità. Per esempio, che le persone che non sono malate, o non gravemente, pensano che i malati di malattie gravi e progressive siano un po’ meno vivi. Più vicini a morire, dunque sempre meno vivi e poi quasi morti… La morte di Raffaele Pennacchio costringe a ripensarci. O piuttosto la vita.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment