Lo scandalo è la guerra

Possiamo fare tutto ciò. O forse dovremmo tornare ad alcune questioni fondamentali e irrisolte, questioni difficili da affrontare in un mondo dominato dall’isteria antimusulmana in occidente, dai presunti doveri dell’Europa verso il suo passato, e dalla perdurante assenza di una risposta forte alla questione fondamentale del Medio oriente: la pace israelo-palestinese.
In un’interessante intervista pubblicata in Germania, il noto pacifista Ekkehart Krippendorf si chiede perché Grass non abbia firmato l’appello lanciato pochi giorni prima da numerosi intellettuali tedeschi a favore del disarmo atomico dell’intera regione mediorientale. Krippendorf e gli altri ntellettuali chiedono di discutere della questione di fondo, invece di discutere di Grass.
Con la sua contestata poesia, Grass provoca una discussione necessaria su un punto urgente: neutralizzare le armi atomiche, cosa che richiede mettere fine al monopolio israeliano in materia di armi nucleari. La questione non è semplice, perché rimanda a una questione ancora più fondamentale: gli Stati uniti, la Gran Bretagna e l’intera Unione europea appoggiano senza riserve la politica di Israele, e non solo riguardo la politica atomica. Per la verità  gli americani hanno cercato, in certi momenti, di mettere dei limiti a Israele ma la cosa è sempre stata soggetta alle alterne vicende dei governi israeliani e dell’egemonia occidentale nella regione.
La questione non è semplice anche perché il fondamentalismo iraniano, soprattutto quando si esprime attraverso le demenziali minacce di sterminio del presidente Mahmoud Ahmadi Nejad, non ha trovato una risposta seria da parte del pacifismo europeo, che a volte è manicheo in modo infantile quando si tratta di Israele o dell’Islam o degli arabi, con un «tutti buoni-tutti cattivi» che spesso nasconde residui di un razzismo che sembrava finito. Sì, il pacifismo europeo dovrebbe esprimersi in modo chiaro e convincente anche quando si tratta dell’Iran o dei massacri compiuti dal presidente siriano Bashar al Assad.
La questione non è semplice inoltre perché nei decenni i diversi governi di Israele sono riusciti a delegittimare qualunque critica alla politica israeliana. La manipolazione propagandistica delle colpe reali del nazismo e del fascismo è servita a far tacere le gravi critiche, legittime e necessarie per evitare la catastrofe a cui ci stanno portando i governanti israeliani. In particolare dopo l’11 settembre 2001, è la politica della paura che governa. Settori estremisti del fondamentalismo islamico – con settori iraniani attivi in materia – sono funzionali all’isteria generale orchestrata da Stati uniti, Gran Bretagna, Germania e Israele. 
Ma il pericolo più grave per Israele oggi non viene dall’eventualità  che l’Iran costruisca una bomba atomica. Il vero pericolo oggi sta in un governo israeliano di carattere messianico-fondamentalista che, se riuscirà  ad agire militarmente, farà  sprofondare l’intera regione in una voragine di fuoco.
Il «caso Grass» non ci faccia dimenticare l’urgenza di trovare una soluzione alla questione israelo-palestinese, che è il cuore del problema. Conviene ricordare che un’azione militare – sia israeliana o occidentale – contro l’Iran sarebbe una ricetta sicura per una tragedia di dimensioni maggiori di quella provocata dagli attacchi americani-europei in Iraq o in Afghanistan.


Related Articles

Repressione in Nicaragua, l’ex comandante sandinista Ortega è nudo

Ortega, dalla rivoluzione sandinista alla tirannia. In Nicaragua prosegue la prima rivolta mondiale della generazione “millennials”

Assange. Così lavoravamo per mister Wikileaks

“Non gli importava di mettere a rischio gli informatori Usa, per lui meritavano di morire” “Era convinto di essere pedinato. Sfuggì travestito da donna, con tacchi a spillo e parrucca”

 

One year on, Mavi Marmara gears up for second protest trip to Gaza Strip

Gaza flotilla anniversary - AP - 30.5.2011

Ships are due to depart from various European ports in an attempt to breach Israel’s sea blockade. Israel has said the blockade is necessary to prevent weapons from reaching the territory.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment