Tymoshenko: “Mi hanno picchiata in carcere”

Mosca – Yiulia la Tigre non si arrende. Dalla sua cella nel carcere di Kharkiv nell’Ucraina orientale, l’ex premier prova la carta della disperazione: uno sciopero della fame per ricordare al mondo il suo dramma e denunciare le ultime violenze subite. Ma le preoccupazioni sulla sorte dell’eroina della rivoluzione arancione, condannata a sette anni dopo un processo senza prove, hanno ormai raggiunto il livello di guardia: «Non uccidete Yiulia», recitava ieri uno striscione portato in Parlamento a Kiev dai deputati del suo partito Batkivscina (Patria) che hanno occupato l’aula per ore. E l’idea che qualcuno stia tramando una lenta eliminazione fisica della donna più odiata dal governo ucraino comincia a diventare un’ossessione tra i militanti del secondo partito del Paese.
La stessa Tymoshenko comincia ad avere paura come si legge nel drammatico racconto inviato per iscritto al suo avvocato e diffuso su Internet. Il momento più difficile è stato venerdì sera. La Tymoshenko aveva appena consegnato alla direzione del carcere il suo rifiuto a farsi curare nell’ospedale della città  di Kharkiv come stabilito dai giudici. «Poco dopo – racconta – sono entrati in cella tre uomini molto muscolosi, mi hanno avvolto in una coperta e mi hanno sollevato per aria. Ho provato a difendermi quando mi è arrivato un colpo fortissimo allo stomaco che mi ha spezzato il fiato. Ho veramente temuto di essere arrivata alla fine della mia vita…». Il racconto prosegue con la deportazione della detenuta eccellente nell’ospedale locale e il suo rifiuto di ricevere il cibo. Riportata in carcere lunedì l’ex premier ha potuto incontrare il suo avvocato Sergej Vlasenko, l’unico autorizzato a farle visita, che adesso racconta spaventato: «Ha lividi dappertutto, non mangia. La sua malattia resta un mistero. Temiamo veramente che le cose possano precipitare».
Più lucida politicamente Yiulia Tymoshenko cerca di andare al di là  della questione personale affermando che «il presidente Viktor Yanukovich sta trasformando l’intero Paese in un immenso campo di concentramento. Il nostro unico obiettivo deve essere quello di fermarlo». Un appello preciso ai suoi giovani eredi di Batkivscina e in particolare ad Arsenj Jatsenuk che dovrebbe proporsi come leader di un “Blocco Yiulia Tymoshenko” che riunisca tutte le opposizioni alle elezioni parlamentari del 28 ottobre.
Una brutta grana per il Presidente Viktor Yanukovich che rischia di prendere una sonora sconfitta da una rivale in galera. Per non parlare delle pressioni della Ue che, anche ieri, ha chiesto spiegazioni e garanzie sulla sicurezza personale di Yiulia Tymoshenko. Il tutto mentre si temono manifestazioni che possano turbare gli Europei di calcio di giugno.
Che l’operazione contro l’ex premier sia caratterizzata da un accanimento personale, figlio delle vecchie ruggini della rivolta arancione del 2004, è palese. La condanna a sette anni per aver firmato un contratto di acquisto del gas russo a “prezzi sfavorevoli per il Paese” ha già  suscitato critiche in tutto il mondo. Da qualche giorno è inoltre partito un altro processo, già  formalmente prescritto, per evasione fiscale e appropriazione indebita che potrebbe finire con una condanna ad altri 12 anni.
Sommersa dai processi e schiacciata fisicamente in cella senza cure adeguate Yiulia Tymoshenko non ha altra scelta che drammatizzare per provare a uscire dall’angolo. Ma non è solo calcolo. La paura è palpabile nel suo staff e nella sua famiglia. Proprio ieri il marito Olexander, esule a Praga, inviava sul web una lettera aperta a Putin e a Obama: «Non vi chiedo di interferire sulla giustizia di un paese sovrano. Ma vi prego, vigilate perché non uccidano mia moglie!».


Related Articles

Un miliardo di donne protagoniste, contro la violenza

Il logo della giornata – Foto: netzpolitik.org

Questa volta la mobilitazione è davvero globale, per un 14 febbraio davvero all’insegna di una battaglia di civiltà . È quella contro la violenza sulle donne, una piaga che colpisce il genere femminile ovunque, anche se con forme diverse. A livello internazionale l’evento si intitola “One billion rising”, un miliardo di donne impegnate, attraverso un ballo e una presenza collettiva, per la tutela dei loro diritti che poi non si possono distinguere da quelli della persona in generale.

In un video le ragazze di Chibok “Ma il governo non fa nulla per loro”

A due anni dal sequestro di 210 giovani da parte di Boko Haram, lo scrittore nigeriano Okey Ndibe accusa i leader del paese: “Non si sono impegnati per ritrovarle e non proteggono quante sono riuscite a fuggire”

Marek Halter. Danni collaterali e terroristi il dilemma di Camus

Lo scrittore francese Marek Halter: “Una bomba non ha stati d’animo, non sa riconoscere i buoni dai cattivi”. Non può esserci una “guerra pulita”. Una volta su tre i droni confondono una festa con un covo di jihadisti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment