Ue: “Roma rischia manovra bis”. Ma è giallo

ROMA – Un giallo. Accade che il Financial Times sveli uno speciale rapporto Ue in cui c’è scritto che l’Italia, nonostante le sue molteplici maxi manovre, potrebbe di nuovo aver bisogno di tagli e rigore per colpa della recessione. Monti smentisce. La Ue non conferma e prende le distanze dalle indiscrezioni.
Ma tant’è. Nel documento (quattro pagine confidenziali circolate a margine del vertice di Copenaghen) c’è scritto che «gli ambiziosi obiettivi di bilancio dell’Italia potrebbero essere compromessi dalla recessione e da tassi d’interesse troppo alti». Di conseguenza il governo potrebbe essere costretto a varare «nuove misure di austerità , se necessario». Subito fonti di palazzo Chigi mettono i puntini sulle «i»: «L’Europa e l’Italia hanno bisogno di riforme strutturali per avviare e consolidare la crescita ma, come ha rimarcato il premier Mario Monti, non c’è bisogno in Italia di manovre correttive per far fronte alla crisi». L’effetto-recessione è già  calcolato. Immediato anche il no comment di Bruxelles seguito da una chiosa: quello citato dal quotidiano inglese è un documento «interno» elaborato dalla direzione Affari economici e comunque «non distribuito» ai ministri Ue nel vertice danese.
Difficile ricostruire come sia andata, veramente. Fatto sta che anche solo l’ipotesi di altre misure di rigore preoccupa sia dentro che fuori i confini nazionali. Il ministro Corrado Passera, per esempio, avverte con una certa franchezza che «con l’austerità  non si cresce» e che dunque bisogna «mettere in moto tutte quelle operazioni» che facilitano lo sviluppo economico. Rincara il ministro Elsa Fornero: «Non parlerei di nuove misure di austerity. Spero che ora l’Italia possa avere misure per la crescita». Sul controverso binomio rigore-sviluppo interviene pure Christine Lagarde, numero uno del Fmi: «Una corsa indifferenziata all’austerità  si mostrerà  controproducente». In vista delle riunioni primaverili del Fondo, in programma a Washington dopo Pasqua, la signora ricorda che la ripresa è ancora «fragile» e che nel mondo ci sono 200 milioni di persone a spasso: la creazione di nuovo lavoro «è la priorità ». 
Il documento di Ft, pubblicato a pagina 2, in un taglio basso, ricorda che da maggio 2010 l’Italia ha varato misure «davvero notevoli» per consolidare i conti (100 miliardi di euro, il 7% del Pil); che il Paese si è «riguadagnato la fiducia dei mercati»; che ora punta al pareggio di bilancio nel 2013. Ma tutti gli sforzi «potrebbero essere messi a rischio» dalla crisi e dagli alti tassi. Il governo dovrebbe quindi «essere pronto a evitare ogni ritardo nell’esecuzione delle misure e intraprendere ulteriori azioni, se necessario». la Ue invita anche alla cautela nel cambiare la riforma del lavoro.


Related Articles

Per gli enti locali serve la Cassa

Dal 2013 il patto di stabilità  interno diventa ulteriormente rigido, sotto la gabbia imposta dal Fiscal Compact, e con la sua estensione anche ai comuni sotto i 5.000 abitanti. È l’ultimo atto di una continua serie di attacchi agli enti locali e al loro ruolo, attuata scientificamente da anni in nome della necessità  di contenere la spesa e controllare l’aumento del debito pubblico.

Cina, picconata al capitalismo di Stato

Arriva una nuova spallata neoliberista in vista del futuro grande cambiamento della leadership cinese. Il Development Research Center (in cinese Guà³wùyuà n fāzhÇŽn yà¡njiÅ« zhōngxÄ«n), un think tank che dipende direttamente dal Consiglio di Stato (leggi “governo”), ha coprodotto con la Banca Mondiale un rapporto che prevede una crisi della Cina se non si metterà  mano al settore delle grandi imprese statali. Il documento “China 2030”sarà  presentato lunedì prossimo, ma il Wall Street Journal ne anticipa i contenuti: sostiene che il governo dovrà  dismettere progressivamente le proprie quote e affidare la gestione delle imprese a banche d’investimento. Detto in altri termini, chiede alla Cina di rinunciare al modello economico che l’ha fatta crescere a ritmi vertiginosi per trent’anni: il capitalismo di Stato.

Ebola, primo malato italiano medico di Emergency trasferito dalla Sierra Leone a Roma

All’alba con un volo militare. Lorenzin: “Attivati protocolli di sicurezza” Gino Strada: “Sta bene, non ha sintomi, a Lakka situazione drammatica”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment