Ultimi sondaggi Sarkozy va a picco E i suoi fuggono

PARIGI — Alla vigilia del voto di domenica, adesso che i sondaggi danno il presidente sconfitto già  al primo turno, cominciano le defezioni di peso. Importanti almeno dal punto di vista simbolico, come quelle di Martin Hirsch e Fadela Amara, due esponenti della famiglia di sinistra che nel gloriosi giorni del 2007 si erano prestati volentieri alla politica dell’ouverture di Nicolas Sarkozy. 

«Per Sarkozy non c’è più speranza. Ovunque in Europa, i candidati uscenti hanno perso a causa della crisi. Non faremo eccezione», dice in un clamoroso fuori onda il premier Franà§ois Fillon. Ecco così che Martin Hirsch, ex «Alto commissario alla solidarietà », ora annuncia che è il momento di cambiare e voterà  per Franà§ois Hollande. 
«Ne ha il diritto — ha commentato gelido Sarkozy — anche se potremmo fare considerazioni sull’eleganza e il momento del gesto. Per tre anni Hirsch è stato al governo, e ha tradotto in realtà  le nostre idee senza esprimere la minima diversità  di opinione». Ovvero: comodo abbandonare ora, quando la mia poltrona traballa. 
Saltano con Hollande anche personalità  di centrodestra, come l’ex ministra Corinne Lepage e Azouz Begag, che è stato ministro delle Pari opportunità  nel governo Villepin sotto la presidenza Chirac. «Non sono mai stato socialista — ha dichiarato Begag — e non cerco un punto di caduta personale: spero solo nella caduta di Sarkozy». I nuovi arrivi nelle fila del candidato socialista sono stati accolti con una certa perfida soddisfazione da Laurent Fabius, che potrebbe essere il ministro degli Esteri in caso di vittoria di Hollande: «Possiamo accogliere tutti a braccia aperte, e in qualche caso concederci pure un piccolo sorriso». Chi persiste invece nel suo attaccamento a Sarkozy, nonostante tutto, è il ministro dell’Industria Eric Besson, un tempo figura importante del Partito socialista, che nel 2007 si schierò a sorpresa con il vincitore di allora. La ferita è ancora aperta, e Hollande ieri ne ha parlato con disprezzo: «Il destino di Besson è quello del traditore». 
Il favorito ripete che «niente è ancora deciso», per scaramanzia e perché teme che molti non vadano a votare considerando il risultato già  acquisito. Con il 25% di astensione prevista, è un rischio che neanche Hollande può permettersi.


Related Articles

Tsi­pras: «Non me ne vado e resisto»

Il premier Tsi­pras alla televisione pubblica: «Mai avuto in mente l’uscita dall’euro». Oggi la conta in parlamento

Epidemia di colera, 800 le vittime Allarme dell Onu

Non si arresta, ad Haiti, l’epidemia di colera esplosa alla metà  di ottobre. Secondo l’ultimo bilancio del ministero della Sanità , reso noto venerdì, il numero dei morti è salito a 796 e quello dei ricoverati a 12.303: 72 decessi e 1.303 infettati in più rispetto al giorno prima. Il focolaio dell’epidemia è nel nord del paese, nella regione dell’Artibonite, dove il colera ha fatto la sua comparsa, diffuso dalle acque dell’omonimo fiume e dove si contano 540 vittime.

Bangkok: si contano i danni, c’è voglia di tornare alla normalità 

Negozi distrutti – Foto: Andrea Bernardi

È una mattinata triste per molti commercianti di Bangkok. Questa mattina (ieri per chi legge) sono tornati alle loro attività . O perlomeno, a quello che c’è rimasto delle loro attività .

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment