All’armi son faxisti!

Noi non siamo stati capaci di modernizzarci, non siamo stati al passo coi tempi, non abbiamo capito le mutate condizioni delle masse. E specialmente delle masse di pezzi di merda che hanno fatto i soldi con i contributi dell’editoria senza averne diritto e anzi con l’antico metodo della truffa. Noi, rinunciando alla nostra natura di rivoluzionari, abbiamo fatto tutto secondo la legge. Non abbiamo barattato qualche milioncino di euro con favori compiacenti, né ci hanno intercettato come il signor Lavitola mentre chiedevamo al presidente del consiglio Berlusconi buon’anima un po’ di soldi per l’Avanti!, per dire. E nemmeno siamo andati a vendere elicotteri a Panama caldeggiando tangenti per ungere questo o quel presidente centroamericano. Abbiamo dimostrato così di non capire la complessità  del presente. Noi non abbiamo messo a bilancio, come il prestigioso foglio la Discussione, un’Audi A8 del valore di 99.000 euro, con cui pagheremmo quasi cento stipendi. E nemmeno abbiamo destinato alle nostre spese personali qualche soldino ricevuto su esempio de Il Campanile, testata che certo campeggia nella rassegna stampa della Casa Bianca e dell’Eliseo, essendo emanazione dell’Udeur di Mastella. E non siamo nemmeno accusati, come il senatore Ciarrapico, di aver moltiplicato i contributi servendosi di prestanome ottuagenari (il processo a breve). Insomma, compagni: noi ci siamo seduti sulla più retriva legalità  borghese, mentre altri (specie i “borghesi”) fregavano a man bassa dichiarando milioni di copie e vendendone, nei giorni buoni, diciassette. Ora che il faxismo contabile ha colpito, dobbiamo meditare e discutere sulle nostre colpe e interrogarci sul vecchio ma sempre fecondo interrogativo: “che fare”? Non è che a Panama servono altri elicotteri? Non è che a Berlusconi servono altri favori? Sai mai che…


Related Articles

Notte dei senza dimora, si mobilita l’Italia dal Nord al Sud

Si dormirà  in piazza il 17 ottobre a Roma, Catania, Vicenza, Padova, Bologna e Cremona, il 20 toccherà  a Milano e Trento. A Milano in programma concerti, laboratori, raccolte fondi e una cena sociale

Se il sesso a scuola resta un tabù

Ratzinger condanna l’educazione sessuale “che allontana dalla fede” e riaccende il dibattito Ma in Italia, in assenza di una legge adeguata, l’insegnamento nelle classi non è mai decollato. Ed è affidato più a Internet che ai professori. Con qualche conseguenza, avvertono gli esperti: i ragazzi sono sempre più soli, spaesati e senza strumenti Un preside: “I giovani vogliono parlare, sapere, imparare a proteggersi, che senso ha invece la legge del silenzio?”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment