Bpm, prestiti a potenti e malavita arresti domiciliari per Ponzellini

MILANO – Una banca che si piegava a ogni richiesta del potente di turno. Elargiva fondi, finanziamenti anche senza alcun requisito o titolo, garantiva fidejussioni a uomini in odore di malavita. Sarebbe stato questo il modo in cui la Banca popolare di Milano è stata gestita da Massimo Ponzellini durante la sua presidenza (dal 2009 al 2011 e attualmente numero uno di Impregilo). Da ieri, l’ex banchiere bolognese negli ultimi anni molto vicino alla Lega, si trova agli arresti domiciliari con una valanga di accuse. I finanzieri del Nucleo di polizia tributaria hanno infatti eseguito un’ordinanza firmata dal gip Cristina Di Censo su richiesta dei pm di Milano, Mauro Clerici e Roberto Pellicano, in cui contestano all’ex numero uno di Bpm l’associazione a delinquere, il riciclaggio, la corruzione e il divieto per gli esponenti bancari di contrarre obbligazioni. Stesso provvedimento per il suo braccio destro, Antonio Cannalire, definito dal gip «un soggetto in stretti rapporti con Ponzellini, su cui esercitava una forte influenza e con cui avrebbe curato pratiche di finanziamento chiaramente anomale con personaggi di rilievo istituzionale». 
Latitante, invece, un terzo indagato, Francesco Corallo, titolare di quella società  di macchine del gioco d’azzardo, Atlantis. L’indagine nasce proprio da una segnalazione di Banca d’Italia, su un finanziamento che Bpm avrebbe elargito (148 milioni di euro), alla società  di Corallo. Peccato però che Atlantis non avrebbe avuto le carte in regola per ottenere quel finanziamento: troppo opachi i bilanci, inspiegabili i beneficiari degli utili all’estero. Corallo, residente ufficialmente fuori Italia, è figlio di quel Gaetano, condannato per reati di criminalità  organizzata (7 anni), e, secondo le indagini legato al clan di Nitto Santapaola. Il manager delle slot machine, in cambio dell’occhio di riguardo, avrebbe versato a Ponzellini un milione di euro e avrebbe promesso il versamento di altri 3,5 milioni di sterline inglesi in tre anni (100mila al mese). Almeno questo risulta da un documento scritto ritrovato dagli investigatori nello studio di un commercialista. 
Elementi decisivi quelli raccolti dalla procura di Milano per chiedere le misure scattate ieri all’alba. La procura avrebbe voluto arrestare anche l’esponente del Pdl, Marco Milanese, ex braccio destro del ministro dell’Economia, Giulio Tremonti. il gip, però, ha respinto la richiesta. A Milanese, la procura contesta di aver ricevuto «utilità » da Corallo in cambio di una proposta di legge parlamentare sul gioco d’azzardo e favorevole all’Atlantis. Tra gli indagati figurano anche Enzo Chiesa, ex direttore generale della Bpm, e il commercialista bolognese Guido Rubbi, accusato di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio.
Nel provvedimento restrittivo eseguito ieri, spuntano molte intercettazioni in cui si parla dei presunti finanziamenti sollecitati ai vertici di Bpm da politici come Ignazio La Russa, l’ex ministro dello Sviluppo Economico, Paolo Romani, del senatore Marcello Dell’Utri per il figlio Marco, per finire al fratello dell’ex premier, Paolo Berlusconi.


Related Articles

G20 di guerra, l’economia dopo il «bazooka» Fed

SAN PIETROBURGO
Con i venti di guerra in Siria i capi di stato e di governo del G20 si incontreranno giovedì prossimo a San Pietroburgo per il loro vertice annuale. Quest’anno la presidenza spetta alla Russia di Vladimir Putin, come mai negli ultimi anni ai ferri corti con gli Usa e gran parte dei paesi occidentali.

L’agenda dei 14 milioni di pendolari che nessuno vuole (ancora) aprire

Il Paese reale
 L’aumento delle tariffe del 51%. Tre cose che si possono fare Dai 14 milioni di pendolari stimati in Italia quelli che stanno pagando di più i costi della crisi usano l’auto per recarsi ogni giorno sul posto di lavoro.

Ieri il primo sciopero globale dei ciclofattorini in cerca di diritti

Gig Economy. Da Hong Kong a Parigi la protesta dei rider che lavorano per le piattaforme digitali. Festeggiato il compleanno di Will Shu (Deliveroo) in modo provocatorio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment