Famiglie del mondo L’incontro a Milano aspettando Ratzinger

MILANO — Le stole porpora di cardinali a frotte e i colori sgargianti delle famiglie africane, vescovi tedeschi con tanti libri e madri messicane con tanta prole, teologi e demografi, pubblicità  di passeggini e seminari sul matrimonio, per un totale di 50 mila finora presenti aspettando il milione che — si dice — arriverà  alla fine per il Papa: è cominciato ufficialmente così, ieri a Milano, il VII Incontro mondiale delle famiglie destinato appunto a culminare tra domani e domenica nel lunghissimo (tre giorni filati di trasferta sono un inedito assoluto per l’Italia) faccia a faccia c0n Benedetto XVI.
Il programma della sua visita, pur stilato mesi prima che i corvi si alzassero sul Vaticano, è talmente fitto da rappresentare davvero la potenziale occasione per i suoi fedeli di testimoniare col loro semplice «esserci» una vicinanza al Pontefice mai inseguita prima — forse — con altrettanta urgenza: l’arrivo in Piazza Duomo e un concerto alla Scala, lo stadio di San Siro tra i ragazzi, un palco da rockstar all’aeroscalo di Bresso, la messa di domenica su una spianata per raggiungere la quale — avvertono gli organizzatori da giorni — bisognerà  mettersi in marcia prima dell’alba. Le previsioni danno pioggia, si spera nel miracolo.
Nel frattempo a tener banco, con una Fiera inaugurata già  martedì e un Congresso teologico planetario da 6 mila iscritti per 111 relatori, è la Famiglia intesa come protagonista sociale del mondo. Famiglia «normocostituita», aveva ripetuto martedì l’arcivescovo milanese Angelo Scola. Con una tale insistenza da indurre ieri il cardinale Ennio Antonelli, presidente del Pontificio consiglio per la famiglia, il quale pure aveva già  indicato quello stesso modello come «il più felice e vantaggioso per la società », a precisare che «le famiglie arrivate qui da cinque continenti tengono nel cuore e rappresentano tutte quelle del mondo, credenti e non, unite e divise, felici e sofferenti»: del resto «la crisi attuale — ha sottolineato — non solo economica ma anche culturale e religiosa chiede proprio di tornare a riconoscere il primato della persona e della solidarietà ». A cominciare naturalmente da quella, ricordata ieri da tutti ma proprio tutti i relatori, per le famiglie colpite dal terremoto. Sul palco col Papa, sabato sera, ci sarà  anche una di loro.
Parallelamente, nello stesso giorno in cui il sindaco Giuliano Pisapia rilanciava con forza l’apertura di un «registro delle coppie di fatto» a Milano, il cardinale e presidente del Pontificio istituto per la cultura Gianfranco Ravasi bocciava ieri come «sconcertanti» i «percorsi bioetici della fecondazione in vitro, dell’utero in affitto, della coppia omosessuale e delle relative adozioni, della clonazione, della monogenitorialità , della pornografia e via dicendo». Anche se il vero «attentato» alla famiglia è «la disoccupazione: è questa — ha concluso Ravasi — la vera mina da disinnescare».


Related Articles

La lotta alle carestie fu la culla del welfare

Leggi in favore dei poveri per contrastare il flagello Fernand Braudel, in Civiltà  materiale, economia e capitalismo. Le strutture del quotidiano (Einaudi), riferendosi alla Francia ha censito 10 carestie generali nel corso del X secolo, 26 nell’XI, due nel 1100, quattro nel 1300, sette nel 1400, 13 nel 1500, 11 nel 1600 e 16 nel 1700 (senza contare le centinaia locali).

Un nuovo pentito contro il ministro «Sostegno al clan vicino a Provenzano»

Anche l’ultimo pentito di mafia ha qualcosa da dire sull’onorevole Saverio Romano, nominato ministro dell’Agricoltura nonostante un’indagine per mafia sulla via dell’archiviazione che invece è sfociata nel processo ordinato dal giudice.

Istruzione e servizi, lo stato sociale è malato

Welfare/LA «RICETTA» SBAGLIATA DELLE PRIVATIZZAZIONE
Siamo in apertura di anno scolastico: ragazzi, famiglie, docenti e dirigenti scolastici dovranno confrontarsi con l’eredità  dei decreti Gelmini e i tagli imposti dalla spending review. Ovvero: tagli a tempo pieno e attività  extradidattiche, aumento dei costi delle mense scolastiche e delle tariffe mensili dei servizi per l’infanzia. Solo per fare alcuni esempi.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment