Il governo tre stellette. Israele va alla guerra

La scelta del premier israeliano Benjamin Netanyahu suscita interrogativi in Europa e in America e desta allarme in Medio Oriente. Chi non ha dubbi sono i dirigenti del jihad islamico palestinese: il nuovo governo israeliano è stato formato “in vista di una nuova offensiva militare su Gaza”, scrivono in una nota. Il nuovo esecutivo di unità  nazionale è – osservano – “un governo composto da numerosi militari che hanno commesso crimini di guerra contro i palestinesi”. Per altri, invece, nel Golfo, ma pure in Europa e negli Usa, governo più solido è uguale a governo più libero di colpire l’Iran: un’azione preventiva destinata a distruggere gli impianti nucleari iraniani e a cancellare l’incubo d’una atomica integralista. Lo strike sarebbe, inoltre, un modo, per Netanyahu, di creare un grattacapo al presidente Usa Obama, che con il premier israeliano ha rapporti quantomeno freddi. E c’è già  chi ipotizza che l’attacco all’Iran possa essere la sorpresa d’ottobre di Usa 2012, cioé l’evento in grado di cambiare corso alla campagna.
Piani da dottor Stranamore, forse. E chi li avalla con la densità  di generali nell’équipe di Netanyahu ignora, o sottovaluta, che i generali in politica e al potere sono una tradizione israeliana consolidata, da Moshe Dayan ad Ariel Sharon.
Il governo Netanyahu allargato è una coalizione di 7 partiti, con 94 seggi su 120 alla Knesseth: 27 del Likud del premier, 15 della destra radicale, 5 degli ortodossi ashkenaziti, 11 degli ortodossi sefarditi, 3 dei nazional-religiosi, 5 della lista dell’ex premier ed ex generale Ehud Barak; a questi si aggiungono, dopo l’accordo con Shaul Mofaz, i 28 di Kadima, il partito centrista. La nuova coalizione permette d’evitare la trappola di elezioni politiche anticipate. Ma questo non basta a giustificare la mossa, per gli islamici palestinesi “Israele vive da tempo in stato d’allerta in vista di nuove guerre e dopo le rivoluzioni arabe non si sente più al sicuro”. analisi di parte, ma documentata: se diverse unità  sarebbero state richiamate e dispiegate lungo il confine con l’Egitto, il pericolo percepito più acuto è l’Iran verso cui intenderebbe compiere un attacco preventivo; e pure il sud del Libano e Gaza sarebbero “prossimi obiettivi”.
MILITARMENTE, l’ipotesi d’attacco all’Iran non è campata in aria. Israele ha la possibilità  di lanciare varie ondate di attacco simultaneo di 3 pacchetti di 18 velivoli ciascuno, per un totale quindi di 54 velivoli per ogni operazione. Il limite è dato non dai mezzi di attacco, ma dalle capacità  autonome di rifornimento in volo.
Per distruggere siti protetti o sotterranei Israele già  disporrebbe di una sufficiente quantità  di armamento convenzionale di precisione, fornito in parte dagli Usa. Potrebbero esserci in inventario bombe pesanti da 5.000 libbre, ad alta penetrazione – del tipo già  usato in Afghanistan contro le caverne di Tora Bora e in Libia per i bunker di Gheddafi – e altro armamento sganciabile da alta quota a distanza di oltre 50 miglia dall’obiettivo, fuori dal raggio delle difese, capace di una precisione inferiore ai 2 metri.
Con la chiusura dello spazio aereo turco – attualmente scontata – l’operazione sarebbe più complessa, ma resterebbe fattibile.


Related Articles

Reti europee chiedono agli stati l’embargo militare verso Israele

Esercito israeliano in azione – Foto: ©Palestine Chronicle

In occasione del settimo anniversario della sentenza della Corte Internazionale di Giustizia dell’Aia che ha definito illegale il muro (la cosiddetta “barriera di separazione”) tra Israele e i Territori palestinesi, le organizzazioni europee della rete ENAAT (European Network Against Arms Trade) hanno promosso un appello (traduzione italiana in .doc) in cui chiedono al Parlamento europeo e ai Paesi europei di “cessare immediatamente qualsiasi fornitura di armi e materiale militare e paramilitare a Israele” e di “arrestare ogni cooperazione con l’esercito e le aziende militari israeliane”.

Seguridad y política de Estado

En principio rector de la teoría de las relaciones internacionales es que la mayor prioridad del Estado es garantizar la seguridad

La rabbia degli insorti “Colpiti dai raid Nato”

La svolta di Londra: pronti ad armare i ribelli Una trentina le vittime dei bombardamenti degli alleati Il Daily Mail: “Il figlio di Gheddafi tratta con Gran Bretagna e Italia”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment