Juncker contro Berlino e Parigi Quella Strana Stanchezza in Ritardo

Il mandato di Juncker è previsto in scadenza nei prossimi mesi. Ma il presidente avrebbe potuto andarsene senza agitare le acque, come tutti si attendevano. Eccolo invece che da Amburgo spara a zero sulle «interferenze franco-tedesche nella gestione della crisi dei debiti», eccolo che lamenta la mancanza di coordinamento oggi come alla vigilia di Maastricht (colpevoli Germania e Olanda), eccolo dichiararsi «stanco» e non più disposto a mandar giù. 
Che il Merkozy abbia interferito, anzi che abbia fatto a lungo il bello e il cattivo tempo nella crisi di Eurolandia, è cosa arcinota. Ma non risulta che Juncker, pur titolare di una posizione-chiave, abbia sbattuto la porta quando il suo gesto avrebbe avuto ben altro peso. Per dirne una, Juncker è favorevole agli «eurobond», ma quando Berlino ha detto no lui ha incassato. E poi, chi raccomanda Juncker come suo successore? Il ministro delle Finanze tedesco Scheuble. Scelta che parrebbe poco coerente con la «stanchezza» espressa. Forse Juncker è stato semplicemente colpito dalla sindrome del pre-pensionato, o ha messo nel mirino qualche altro incarico. Quel che più conta comunque è che l’epoca del Merkozy sia oggi in fase di superamento, per la probabile elezione di Hollande alla presidenza francese ma anche nell’ipotesi che a spuntarla fosse Sarkozy. Tutti, anche Berlino, si sono ormai resi conto che il rigore non basta, e che può anzi far danni se non viene affiancato dalla crescita. Sono cambiati gli equilibri nella Ue, con una nuova centralità  dell’Italia di Monti che non è impegnata a «sostituire la Francia», come è stato scritto, bensì a gettare un inedito ponte triangolare tra i bisogni italiani, le convinzioni di Hollande e quelle di Angela Merkel. Dal successo dell’operazione e dal varo di un coraggioso piano per la crescita dipendono il futuro dell’euro e quello dell’Europa. Sarebbe stato preferibile che Juncker ci parlasse di questo.


Related Articles

Nuovi aiuti alla Grecia in cambio di riforme. Ora tocca al lavoro

Luce verde dall’Eurogruppo alla nuova tranche da 1,1 miliardo. Ora Bruxelles vuole la deregolamentazione dei contratti

«Riforme, il Pil crescerà del 3,6%» Il pacchetto lavoro va a Bruxelles

Padoan presenta la mappa dei progetti. Le proteste delle categorie sul ddl concorrenza

LA GUERRA RUBATA: MA C’È BISOGNO DI UN PRETESTO?

Israele annuncia come «inevitabile» e imminente una operazione Piombo fuso 2 contro Gaza: non potendo sfogarsi contro l’Iran – l’ipotesi di una chiusura dello stretto di Hormuz porterebbe a un conflitto peggiore che in Iraq e Afghanistan – deve ripiegare sulla Striscia. Peccato che Hamas stia svoltando dalla lotta armata alla protesta pacifica e alla politica «rubando» agli israeliani ogni motivazione per un attacco

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment