MACERIE OPERAIE

Nulla è inevitabile. Non lo è la crisi economica, non lo sono i crolli e le vittime dei nostri terremoti, conseguenza di umane corruzioni, guadagni, cinismi. Case, monumenti e soprattutto capannoni, tirati su al risparmio, senza i criteri antisismici, costruzioni «che anche un vento particolarmente forte può far venir giù come un castello di carte», secondo il parere degli esperti. 
Nulla è casuale se la maggior parte delle persone è morta sotto le macerie di edifici industriali, se le mappe antisismiche ancora attendono di essere aggiornate. I fabbricati della piccola e media industria, fiore all’occhiello dell’economia domestica del nord, oggi, nelle zone colpite, si posano come una corona funebre sui corpi operai, italiani e stranieri. Pagano il lavoro con la vita, sono le ultime ruote del carro e i primi a morire. Il gravissimo bilancio, umano e culturale, di questo secondo terremoto emiliano è, al contrario, il frutto, l’ennesimo, di quell’anomalia italiana che affligge il nostro paese, rendendolo fragile, esposto alla furia della terra che trema ormai da dieci giorni. Il dovere della prevenzione è un eterno auspicio, una disperata promessa mancata. 
Alla fine di una giornata segnata da ripetute richieste di annullare la parata militare (quattro milioni di euro), con un comunicato il Quirinale annuncia l’ossimoro: «Celebreremo sobriamente il 2 giugno in memoria delle vittime». In questo momento, di lutto, di massimo impegno nei soccorsi, di raccolta straordinaria di fondi, la celebrazione andava fermata.


Related Articles

Ex Ilva di Taranto. Incomprensione tra ministero e ArcelorMittal

Senza l’intervento del governo entro due mesi un altro altoforno cesserà la sua attività

Auto, casa e biglietti ferroviari riparte la corsa dei rincari

I consumatori accusano: nella Finanziaria 56 nuove tasse, nel 2007 un aggravio di 440 euro a famiglia (La Repubblica, VENERDÌ,

Fmi all’Ucraina di Yatseniuk: «Sì al prestito, se aumentate le bollette»

Ucraina. L’austerity di Yatseniuk. una dele­ga­zione del Fondo Mone­ta­rio inter­na­zio­nale è in Ucraina, per giun­gere al ter­mine del nego­ziato che pre­vede il pre­stito al neo governo di Kiev

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment