Messico: l’incubo narcotraffico sulle prossime elezioni

L’assassinio di Nuevo Laredo, quasi al confine con il Texas, porta la firma del temibile gruppo dei Los Zetas. Per scoprirlo non servono le indagini, la firma é stata posta su di lenzuolo direttamente dai carnefici stessi, accanto ai corpi attaccati alle corde. I cadaveri appartengono al cartello rivale, quello del Golfo.

à‰ in questo macabro scenario che si sta svolgendo la campagna elettorale che il prossimo primo di luglio porterà  all’elezione del presidente della repubblica in Messico, assieme a 500 deputati della camera e 128 senatori. Intendiamoci, i fatti di Nuevo Laredo non hanno una matrice politica ma é fuori di dubbio come nel paese che vanta uno dei più elevati tassi di omicidi al mondo, l’ombra del narcotraffico influenzi tutto il tessuto politico e sociale. Da una parte, perché la lotta alla criminalità  organizzata é nodo centrale del programma di ogni coalizione politica; dall’altra perché in più occasioni, nel corso di passate elezioni, sia nazionali che locali, si sono registrareinfiltrazioni e pressioni di uomini legati ai cartelli della droga all’interno dei partiti.

Proprio la lotta al narcotraffico è stato il punto centrale del programma del presidente uscente, il conservatore Felipe Calderà³n Hinojosa, del Partido Accià³n Nacional (PAN). Eletto capo dello stato nel 2006, Calderà³n ha subito impostato il suo programma di governo all’insegna della mano dura contro i gruppi delle narcomafie. Se da un lato la tolleranza zero ha portato a risultati importanti, come la cattura dei super ricercati Ricardo Fuentes Pérez Sà¡nchez, detto El Mostachà³n e di Carlos Martinez Escobedo, dettoEl Fabiruchius, dall’altro la repressione governativa ha ulteriormente innalzato il grado di violenza delle diverse bande: dal 2006 a oggi si contano 41 mila morti negli scontri tra militanti narcotrafficanti e forze di sicurezza. Un numero impressionante, frutto di alcuni episodi eclatanti di cronaca nera, come l’uccisione, in un solo colpo, di 72 immigrati che avevano rifiutato l’arruolamento nelle bande dei criminali.

Secondo Andrés Manuel Là³pez Obrador, il candidato alla presidenza in rappresentanza del Partido de la Revolucià³n Democratica (PRD), la mano dura di Calderà³n non ha fatto che aumentare l’escalation di violenza ed il potere dei signori della coca. Pur ponendo anch’egli al centro della sua campagna elettorale la lotta al narcotraffico, il progressista Là³pez ha fatto sapere che punterà  su non meglio precisati metodi soft. Proprio Là³pez fu sconfitto di misura da Calderà³n nelle elezioni del 2006 ma il PRI non riconobbe mai l’esito delle urne, denunciando il PAN di palesi brogli.

Altra candidata alla poltrona di capo di stato é Josefina Và¡zquez Mota, del PAN, il partito attualmente al governo. Già  ministro delle politiche sociali e dell’istruzione, la Vazquez sarebbe, in caso di vittoria, la prima donna a ricoprire la carica di presidente della repubblica in Messico. Il PAN raccoglie le preferenze di buona parte del mondo cattolico, che in un paese conservatore come il Messico può fare la differenza. Secondo molti, la recente visita di Papa Ratzinger nel paese centroamericano va letta come un vero e proprio appoggio a Josefina Và¡zquez.

Infine, il favoritissimo Enrique Peà±a Nieto, dello storico Partido Revolucionario Institucional (PRI), al governo in Messico in maniera ininterrotta dal 1929 al 2000.Secondo i sondaggisti, il vantaggio di Peà±a é tale da rendere le prossime elezioni una pura formalità , anche perché il PRI gode del fondamentale appoggio delle principali emittenti televisive nazionali. La sua coalizione, “Compromesso per il Messico” comprende anche l’atipico Partido Verde, l’unico tra tutti i partiti ambientalisti nel mondo ad essere apertamente favorevole alla pena di morte.

Sondaggi a parte, chi sarà  il prossimo inquilino della Residenza de Los Pinos (la “Casa Bianca” messicana), lo deciderà  il popolo nelle elezioni del prossimo primo di Luglio. È certo che i tre maggiori candidati (che in comune hanno alcuni punti fermi come il divieto d’aborto e dei matrimoni gay e la penalizzazione delle droghe) dovranno fare i conti con il potere e gli interessi dei narcos. La paura di spedizioni punitive è tale che al termine di una riunione del Consiglio di sicurezza nazionale, i governatori dei 31 Stati federali che costiuiscono la Repubblica messicana hanno chiesto ed ottenuto da Calderà³n un accordo che prevede di fornire protezione personale a tutti i candidati che ne facciano richiesta. Negli ultimi cinque anni sono stati giustiziati a morte 28 sindaci.

Ma non è solo la classe politica a trovarsi nel mirino della criminalità  organizzata; il Messico é il paese più pericoloso al mondo nel quale esercitare la professione di giornalista. Chi denuncia o indaga sulle attività  illecite dei narcos rischia la vita. Dal 2002, i giornalisti freddati dai proiettili sono 72. Un passo in avanti verso la tutela ed il rispetto dei diritti (e della vita) dei giornalisti é costituito dalla presentazione in parlamento della legge che prevede come i reati contro la libertà  di espressione ed il diritto di informazione possano essere perseguiti dalla magistratura. Un buon inizio, ma la battaglia è tutt’altro che vinta e la strada è ancora lunga.


Related Articles

Crisi ucraina. L’Europa arranca tra la Russia di Putin e gli USA di Biden

Non è Kiev l’obiettivo della partita in corso ma la pretesa della Russia post sovietica di tornare a contare al tavolo dei grandi. Pretesa che ha portato all’ammodernamento dell’apparato strategico-militare e a un attivismo nei conflitti extra europei

L’uragano Isaac minaccia New Orleans

Sette anni dopo Katrina, Obama dichiara l’emergenza. Migliaia di evacuati: “Vite umane a rischio”  

L’alba del Ruanda

Dai cento giorni di sangue dell’immensa carneficina degli Hutu e dei Tutsi sono passati vent’anni. Il Ruanda, che si appresta a ricordare con dolore, è cambiato: Kigali è oggi una delle capitali più linde e ben organizzate d’Africa, l’economia è un piccolo miracolo. Il merito? Soprattutto delle donne

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment