Omofobia, si mobilitano anche i cattolici Veglie per le vittime «Non possiamo tacere»

«L’iniziativa è nata cinque anni fa – racconta Gianni Geraci, dello storico gruppo del Guado di Milano -. Un gruppo di omosessuali credenti di Firenze commenta la notizia del suicidio di un ragazzo omosessuale di Torino che non aveva retto alle prese in giro dei compagni e decide di incontrarsi per pregare per le vittime dell’omofobia». 
Così sono partite le veglie che negli anni, nonostante gli ostracismi iniziali da parte di parroci e vescovi, si sono moltiplicate e diffuse in tutta Italia. Quest’anno hanno superato quota 20. Alcune si sono già  svolte – a Pescara e Firenze, in ambito cattolico, a Torino, Marsala, Rimini promosse dalle comunità  valdesi -, la maggior parte si terranno questa sera – a Genova, Palermo, Grosseto, Livorno e in altre città  -, altre ancora nei prossimi giorni, come quella di Milano, il prossimo 22 maggio, in un primo momento stoppata dalla Curia, che però poi ci ha ripensato, forse perché «agitata» dalla diffusione della notizia del divieto.
A Firenze, ieri sera, gli omosessuali credenti si sono ritrovati nella parrocchia della Madonna della Tosse, quindi con il via libera implicito del vescovo della città , guidati dal frase biblica «Chi dice di essere nella luce e odia suo fratello è ancora nelle tenebre». E stasera toccherà  a Palermo, nella parrocchia di San Gabriele Arcangelo, insieme a valdesi e luterani, anche in questo caso con l’autorizzazione del vescovo, il cardinal Romeo, che invece lo scorso anno proibì all’ultimo minuto una veglia già  programmata, che infatti si svolse in strada, davanti alla chiesa
«Non possiamo stare in silenzio quando milioni di uomini e donne nel mondo vengono minacciati, torturati e anche uccisi solo perché esistono, amano e vogliono vivere la loro affettività  – spiegano gli attivisti di Gionata, la rete italiana degli omosessuali credenti -. Per questo invitiamo tutte le persone di buona volontà , le comunità  cristiane, le associazioni laiche e ecclesiali a partecipare alle veglie e a fare memoria dei tanti omosessuali vittime di violenze e rifiuti nella famiglia, nella società  e talvolta anche nelle Chiese».


Related Articles

Migranti. Cimitero marino, su spiaggia libica trovata morta bimba di pochi mesi

I volontari della Mezzaluna rossa l’hanno trovata sulla spiaggia di Sorman, adagiata sulla sabbia nel suo pigiama con disegnato un piccolo coniglio. Aveva pochi mesi ed è una delle 12 vittime del naufragio

Il governo pronto alla prova di forza con l’Ue “Ci aiuti o non controlleremo più i confini”

Berlusconi teme il crollo dei voti. E nella Lega cresce il nervosismo. Frattini: “Chi si schiera contro di noi se ne deve assumere la responsabilità “. Il nodo resta il permesso valido nell’Unione. Ma la posizione italiana è minoritaria

Amnesty Migranti nei campi, il Paese degli abusi

«Volevamo braccia, sono arrivati uomini», è il rapporto sui lavoratori sfruttati in agricoltura. Il caso Rosarno dilaga sulla penisola. E le leggi anti-immigrazione contribuiscono Vengono da Asia e Africa. Sono il popolo dei braccianti che lavora nelle campagne italiane. Sottopagati e ricattati.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment