Assedio ad albergo di lusso, 20 morti

A loro va imputato l’ennesimo attacco della guerriglia e un tragico bilancio di una ventina di morti. Alla dichiarazione dà  grande rilevo la stampa pakistana perché gli Haqqani, famiglia ex mujaheddin passata ad Al Qaeda, è considerata un’emanazione dei servizi segreti – più o meno deviati – di Islamabad. 
Per ora in realtà , è presto per dire chi sta dietro l’ultima sfida, dopo l’assalto alla «zona verde» e al parlamento del maggio scorso compiuti da commando asserragliatisi in edifici in costruzione, che hanno tenuto in scacco la capitale per quasi 24 ore. Questa volta la cosa si è risolta più rapidamente, anche perché l’hotel Spozhmai, sulle rive del lago artificiale di Qargha, luogo di villeggiatura sulla strada per Paghman, si trova in un sito aperto e facilmente espugnabile nonostante a pagare in termini di vite umane siano stati almeno una quindicina di civili. Il commando «talebano» era formato da quattro-sette uomini che hanno preso in ostaggio, dopo aver ucciso le guardie all’ingresso del resort, una quarantina di persone facendone fuori almeno una dozzina. 
Secondo fonti talebane, l’hotel è stato scelto perché luogo turistico per afghani abbienti che bevono alcool e usano prostitute ma la località  è soprattutto frequentata da famiglie che, specie al venerdi, vanno a gustarsi frescura e meloni. I talebani dicono però di aver risparmiato «civili innocenti». Il fatto più evidente è che l’albergo è un obiettivo facile ed esposto. Un segno di debolezza forse, dopo che la capitale, blindata per un recente summit, si aspettava un attacco giorni fa quando Kabul era piena di ministri e funzionari da diversi paesi del mondo.


Related Articles

Il sogno infranto del Sudafrica

Nel «nuovo» Paese l’apartheid razziale è stato sostituito da quello di classe. A diciotto anni dalla fine del regime segregazionista la nazione è ancora divisa. Il Programma di Ricostruzione ha fallito. Le ricette liberiste hanno prodotto un grande aumento del disagio sociale

Soldi dalla Russia alla Lega, Merkel e l’Europa vogliono chiarimenti

Salvini accompagnerà il premier Conte mercoledì prossimo al Senato per l’informativa al Parlamento. Mentre la presidente dei socialisti europei chiede una commissione d’inchiesta sul caso

Bolivia: Morales apre gli Ogm, allarme delle associazioni contadine e indigene

La cerimonia di promulgazione della legge – Foto: ©hoybolivia.com

Evo Morales vs Pachamama. Così potrebbe riassumersi il dibattito che sta accendendo gli animi nel paese andino questi giorni dopo la promulgazione della “Legge di Rivoluzione Produttiva, Comunitaria Agropastorale” avvenuta lo scorso 26 giugno con un atto solenne del presidente Evo Morales. Sono molte le organizzazioni di agricoltori e cittadini che denunciano l’implicita apertura alla coltivazione e commercializzazione di sementi e prodotti geneticamente modificati in Bolivia.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment