Auf wiedersen Tasse o Austria

«OZico o Austria». Vicino a Udine la scritta è ancora visibile dall’autostrada per Klagenfurt, solo un po’ sbiadita. È lì dal 1983, quando il calciatore più forte del mondo d’allora, stava per lasciare il suo Brasile e sbarcare in Friuli. Lo voleva l’Udinese del presidente Lamberto Mazza – per sei miliardi di lire, che oggi sembrano poco ma ai tempi erano molto. La Federcalcio però non dava il nulla osta dubitando della copertura finanziaria dell’operazione: trent’anni fa c’era chi voleva controllare i bilanci delle società , persino chi, come il presidente federale Sordillo, pensava di chiudere le frontiere calcistiche riaperte da pochi anni. Così a Udine scoppiò una semi-rivolta popolare: manifestazioni di piazza, cortei di tifosi, comizi di Mazza che arringava le folle. E quella minaccia-slogan: «O Zico o Austria». Del tutto campata in aria, ma che suonava bene in terre dove ancor oggi, il 18 agosto di ogni anno, tra i deliziosi e ricchi vigneti del Collio si celebra il genetliaco dell’imperatore Francesco Giuseppe. Lo scontro tra Udine e Roma durò lo spazio di un’estate. Intervenne il segretario generale della Cgil, Luciano Lama, perché Mazza era anche – soprattutto – presidente della Zanussi e mentre comprava Zico metteva in cassa integrazione qualche migliaio di operai; poi, con la piazza sempre più agitata, intervenne il presidente della Repubblica, Sandro Pertini, che un anno prima aveva benedetto il titolo mondiale conquistato dal friulano Bearzot a Madrid: «Mi piacerebbe vedere giocare Zico nell’Udinese…». Sordillo capitolò al Coni di Carraro che accettò il ricorso dell’Udinese calcio. Fine della rivolta, niente Austria, tanti gol e nono posto in classifica. Campioni (e bidoni) stranieri a go-go per tutti. Naturalmente Mazza non ci pensava minimamente all’Austria, tant’è che l’anno dopo l’acquisto di Zico – che presto si infortuna e rimane a Udine solo due stagioni – vendeva la Zanussi agli svedesi dell’Electrolux. Una delle prime importanti cessioni a multinazionali straniere di un grande gruppo industriale italiano. Che aveva il cuore progettuale e produttivo a Pordenone, quando il nord-est era solo un’espressione geografica. Ora che è diventato una realtà  economica nel bel mezzo dell’area Euro, all’Austria ci pensano in molti, di fronte alla crisi che riduce i profitti e le offerte del paese d’oltralpe, impegnato in una piccola ma decisa «guerra» di conquista industriale. A cent’anni da un’altra – più grande e cruenta – sul mercato globale riesplode la bomba delle competizioni regionali e nazionali: la moneta unica senza una politica che la guidi non unifica, divide. Esodo industriale La Carinzia e il Tirolo sono lì, a meno di due ore d’autostrada dal passante di Mestre, snodo della circolazione di merci e persone da e per l’est europeo. Luoghi comodi da raggiungere e ancor più comodi per aprirci un’impresa in tempi difficili: fisco molto più leggero, contributi consistenti per industria e artigianato, libertà  di licenziamento, burocrazia ridotta al minimo. Il tutto apparecchiato molto bene dagli enti governativi (Aek per la Carinzia e Aba per l’intera Austria) che offrono un ricco piatto d’occasioni. Così riassume la dottoressa Natascha Zmerzlikar, che dirige la promozione per gli investimenti in Carinzia: «L’economia e il sistema politico sono stabili, il lavoro flessibile, il fisco sugli utili d’impresa non supera il 25% (in Italia la tassazione complessiva va oltre il 50%, ndr ), si può avviare un’attività  in una settimana e ottenere un permesso per costruire un capannone in meno di un mese, i terreni costano pochissimo, sovvenzioniamo gli investimenti produttivi fino al 25% del totale e fino al 60% per ricerca e sviluppo». Offerte di richiamo, almeno per chi ha i capitali per andarsene dall’Italia e non è legato dai vincoli della subfornitura. Hanni Grassauer dell’Aba segnala che nell’ultimo anno «il numero delle imprese austriache a proprietà  italiana» ha superato le 800 unità , «con un progressivo aumento delle richieste negli ultimi mesi», incalza Natascha Zmerzlikar. Gli austriaci sono agguerriti, sanno che la crisi globale per loro è una risorsa, l’occasione per attrarre gli investimenti italiani all’estero (verso i paesi Ue sono aumentati del 25% nel 2011, mentre quelli stranieri in Italia sono diminuiti del 53%). Così fioccano gli appuntamenti promozionali, come successo qualche settimana fa in una villa di Mogliano Veneto, dove gli imprenditori del nord-est hanno risposto in massa, presentandosi in più di 400: dal marmista di Vicenza secondo cui «la Guardia di Finanza è come i Testimoni di Geova, una rottura di coglioni» al titolare della friulana Refrion che per i suoi scambiatori di calore voleva ampliare il capannone ma a casa sua ha atteso «due anni per avere il permesso». Tasse e burocrazia, cioè lo stato percepito come ostacolo se non come nemico, addirittura. Meglio l’Austria, la meta del momento. Quindici anni fa, dopo il primo boom del nord-est – gonfi di soldi e intasata la circonvallazione di Mestre – molti imprenditori sono migrati in Romania, dove la competizione si faceva sul costo del lavoro. Al punto che Timisoara sembrava una città  veneta, collegata quotidianamente con voli diretti da Verona e Venezia. Oggi – che gli «schei» si fanno con più fatica dovunque e il passante autostradale smista il traffico tra Marghera, Belluno e i confini con Austria e Slovenia – meglio prendere il Suv e fare i pendolari con la Carinzia. Non è un esodo di massa ma comincia a essere visibile, ci si può andare e tornare in giornata o rientrare per il week-end. Ci vanno i grandi gruppi come la Danieli di Buttrio con i suoi acciai speciali, ormai una multinazionale che in Italia detta condizioni: «O costruite il nuovo elettrodotto senza dar retta agli ambientalisti e ci date l’energia a prezzi stracciati, o il nuovo stabilimento lo costruiamo in Carinzia». Ci vanno le medie imprese come la Montanaro Carlo & Figli di Torino che ha chiuso lo stabilimento di accumulatori e batterie a Vicenza per riaprirlo a Feistritz. Ci vanno i «piccoli» come la Dema Technology di Oderzo (Treviso) che costruisce contenitori di plastica, ha meno di 10 dipendenti e una nuova sede in bassa Carinzia. Lotta per la sopravvivenza Al di là  del Brennero e Tarvisio sono convinti che l’elenco nei prossimi mesi si allungherà . Non è una quasi-rivolta popolare, non c’è Zico da conquistare, il nuovo motto semmai è «Tasse o Austria». Per quelli che possono spostarsi. Per gli altri, per i piccolini legati alle filiere della subfornitura, il problema è lo stesso ma la lotta per la sopravvivenza si gioca ancora nel cortile di casa. Tra invenzioni e rancori. Alcuni non si capisce se più bizzarri o più inquietanti. Come quelli della milizia anti-tasse, ben raccontata da Fabrizio Gatti sull’ Espresso di qualche settimana fa. La nuova versione della «Polissia Veneta» è forse solo un gruppo di quattro matti che fingono ronde antiEquitalia, più pericolosi per chi li incrocia di notte per strada che per lo stato e il fisco. Prefetti e questori minimizzano. Ma tra Vicenza, Treviso, Padova e Belluno, tra crisi economica, vuoto politico e diaspora della Lega, i «quattro matti» possono segnalare o produrre qualcosa? In fondo anche il leghismo degli inizi sembrava solo folklore di spadoni, elmi cornuti e «leon che magna el teron». Ma poi si è gonfiato di voti, è andato al governo, ha costruito una rete di potere. Durata vent’anni. Per ora. 
Ancora oggi, il 18 agosto di ogni anno, tra i vigneti del Collio si celebra il genetliaco di Francesco Giuseppe I (1830 -1916), che fu imperatore d’Austria (1848-1916) e Re d’Ungheria (1867-1916), oltre che re del Lombardo-Veneto fino al 1866. Dopo il disastro di Solferino fu costretto a cedere la Lombardia ai Savoia, ma mantenne sotto il controllo dell’impero asburgico il Veneto Arthur Antunes Coimbra , ovvero Zico, è il nono miglior calciatore del XX secolo secondo «France Football». Star del Flamengo e della nazionale brasiliana, arriva a Udine nel 1983 preceduto dallo slogan «O Zico o Austria» dei tifosi friulani. Oggi allena la nazionale irachena e non allenerebbe mai l’Udinese («Non mi piace allenare dove ho giocato»). 800 son le imprese italiane che solo nell’ultimo anno si sono trasferite in Austria, diventando «imprese austriache a proprietà  italiana». E la tendenza è in crescita. Gli investimenti italiani verso i paesi Ue sono aumentati del 25% nel 2011, mentre quelli stranieri in Italia sono diminuiti del 53%


Related Articles

The future of Jobs 2018: «I robot creeranno 133 milioni di posti di lavoro entro il 2022»

Il rapporto «The Future of Jobs 2018» del World Economic Forum rovescia le previsioni apocalittiche sul lavoro nei prossimi cinque anni: robotica, algoritmi, automazione creeranno 133 milioni di posti di lavoro, 58 in più di quanti ne distruggeranno

«Le aliquote Imu aumenteranno La seconda rata sarà  più cara»

I sindaci: mancheranno 2,5 miliardi di gettito rispetto alla vecchia Ici

Banca d’Italia, la riforma da riformare

Caro direttore, la riforma della Banca d’Italia rischia di restare segnata da due ipocrisie, un equivoco e un pericolo. La prima ipocrisia è che l’indipendenza dell’istituzione venga rafforzata dalla privatizzazione del suo capitale, questa volta volontaria e non preterintenzionale come fu quella degli anni ‘90. Non è vero.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment