DIRITTI GLOBALI 2012: SEGIO, PRIMA VITTIMA CRISI? I DIRITTI

(ANSA) – ROMA, 21 GIU – ”La prima vittima della crisi
economica sono i diritti”. La crisi ”e’ una nuova forma di
guerra”, ”la prima guerra mondiale della finanza”, che ”ha
provocato l’11 settembre dello stato sociale e dei diritti in
generale”. Lo afferma Sergio Segio, nell’intervento di
presentazione del ‘Rapporto sui diritti globali 2012-La Grecia
e’ vicina’, giunto alla sua decima edizione e presentato oggi a
Roma.

ANSA Sergio Segio • 21/6/2012 • Rapporto 2012, Recensioni 2012 • 1433 Viste

A pagare i costi della crisi, sottolinea Segio, curatore
della pubblicazione, sono ”il mondo del lavoro e i piu’
deboli”. ”Dal 2008 al 2011 le voci principali di spesa sociale
hanno avuto tagli complessivi di quasi l’80%, passando da 2
miliardi e mezzo di euro a soli 538 milioni. Nel 2013
quell’importo risultera’ ulteriormente dimezzato, arrivando a
circa 270 milioni di euro”. Il tutto mentre ”il potere
finanziario e’ concentrato in pochi enormi gruppi che decidono
sui debiti sovrani, sulle materie prime, sulla ristrutturazione
e la localizzazione delle grandi imprese produttive e
sull’orientamento delle politiche economiche”.
Tra le altre vittime della crisi, secondo Segio, ci sono
anche la ”democrazia” e le ”parole”.(ANSA).

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This