DIRITTI GLOBALI 2012: SEGIO, PRIMA VITTIMA CRISI? I DIRITTI

A pagare i costi della crisi, sottolinea Segio, curatore
della pubblicazione, sono ”il mondo del lavoro e i piu’
deboli”. ”Dal 2008 al 2011 le voci principali di spesa sociale
hanno avuto tagli complessivi di quasi l’80%, passando da 2
miliardi e mezzo di euro a soli 538 milioni. Nel 2013
quell’importo risultera’ ulteriormente dimezzato, arrivando a
circa 270 milioni di euro”. Il tutto mentre ”il potere
finanziario e’ concentrato in pochi enormi gruppi che decidono
sui debiti sovrani, sulle materie prime, sulla ristrutturazione
e la localizzazione delle grandi imprese produttive e
sull’orientamento delle politiche economiche”.
Tra le altre vittime della crisi, secondo Segio, ci sono
anche la ”democrazia” e le ”parole”.(ANSA).


Related Articles

15° Rapporto Diritti Globali. 65 milioni in fuga: è «apocalisse umanitaria»

Rapporto Diritti Globali 2017. Il volume sottolinea la svolta securitaria contro le Ong. Action Aid e Antigone: tolti spazi di agibilità. Il curatore Segio: 16 miliardi per costruire frontiere Durante (Cgil): invertire la rotta

I diritti globali in Cina

Dieci anni di diritti. Dieci anni di conquiste e di passi indietro. È la fotografia che ci offre il Rapporto sui diritti globali 2012, giunto alla sua decima edizione. E in Cina a che punto siamo? Alle solite contraddizioni: crescono le emissioni assieme agli investimenti nelle energie rinnovabili.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment