DIRITTI GLOBALI 2012: SU AMBIENTE CRITICITA’ MA BENE CLINI

(ANSA) – ROMA, 21 GIU – ”Se pur permangono tutte le
criticita’ ambientali del Paese, come la fragilita’
idrogeologica, il consumo di suolo, l’abusivismo edilizio
diffuso, lo sbilanciamento della mobilita’ su gomma e la
pluriennale emergenza rifiuti, il ministro dell’Ambiente Corrado
Clini, rispetto ai suoi predecessori, sembra proporre una
diversa priorita’ degli interventi e delle politiche
ambientali”. Lo rileva il Rapporto sui Diritti globali 2012
presentato oggi a Roma.

ANSA Sergio Segio • 21/6/2012 • Rapporto 2012, Recensioni 2012 • 1407 Viste

Il ministro, si legge nel rapporto, ”riporta all’ordine
parole come innovazione e sviluppo sostenibile, affermando
pubblicamente la necessita’ che l’Italia punti a un diverso
modello energetico, industriale e di crescita. Rivede anche,
almeno in parte, le strategie sulle infrastrutture, dando
priorita’ a interventi di messa in sicurezza del territorio
oltre che della Tav”.
Il volume denuncia comunque, a livello planetario, ”la vetta
di 33,5 miliardi di tonnellate di emissioni di gas a effetto
serra raggiunta nel 2010, cresciuta di 5 punti percentuali in un
anno” (”a causa della crisi e per l’uso di fonti fossili”) e
guarda con favore alla crescita della produzione globale di
energia verde: nel 2010 il 16% del consumo mondiale di energia
e’ stato garantito dalle fonti rinnovabili.(ANSA).

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This