Il ritorno della troika

Anche se le elezioni di domenica sono molto importanti, il giorno chiave non sarà  il 17 giugno, ma quello del ritorno della troika ad Atene per incontrare il nuovo governo. Una cosa è certa: se in quel momento ci sarà  ancora un movimento favorevole all’annullamento unilaterale del memorandum, non si assisterà  ad alcuna discussione. Solo se questa possibilità  sarà  esclusa, la riunione del governo con la troika potrà  aver luogo.

Si tratterà  comunque di un’esperienza molto dolorosa per i partecipanti, in particolare per quelli che vogliono credere in un cambiamento dell’atteggiamento tedesco. Ieri, per l’ennesima volta, Angela Merkel e il suo ministro delle finanze Schà¤uble hanno precisato che uno scenario del genere non si verificherà .

“La questione di sapere se la Grecia applicherà  o meno il suo programma è anche quella di sapere chi rispetta i patti nell’Europa di oggi”, ha dichiarato la cancelliera. Schà¤uble è andato oltre e ha previsto la decisione della troika: “l’organismo constaterà  che il memorandum non è stato applicato, indipendentemente dal risultato delle elezioni”.

La previsione del ministro delle finanze non è certo azzardata, visto che a prescindere dal risultato elettorale il programma non era comunque applicabile. E l’atteggiamento tedesco nei confronti della Grecia è già  deciso, e sarà  estremamente intransigente.

In realtà , quando il presidente del Pasok Evangelos Venizelos insiste sulla sua volontà  di collaborare con un governo guidato da Syriza, fa capire che il nuovo grande partito del paese dovrà  condividere le responsabilità  che incideranno su questo incontro (con la troika) e le decisioni che ne deriveranno o che saranno bloccate da un’eventuale impasse. Del resto Venizelos sa molto bene che la troika è capace di bloccare tutto e andare via [come ha fatto il 2 settembre scorso].

Il vero problema quindi non si vedrà  domenica, ma quel giorno. Se nel frattempo il paese non riuscirà  a formare un governo o se il nuovo governo non riuscirà  a prendere delle decisioni, il risultato sarà  lo stesso: qualunque pressione si concentrerà  sulla minaccia di interrompere il finanziamento per le esigenze interne della Grecia, mentre in un primo tempo le esigenze esterne del paese, che riguardano la moneta unica, saranno comunque garantite. Sarà  quindi una corsa contro il tempo, con la Grecia in una posizione difficile e sempre più debole.

Ma in caso di un effettivo stallo sarà  certamente necessario un governo di unione nazionale. Solo questo tipo di governo potrà  chiedere una proroga per l’applicazione del programma – l’unica cosa che potrà  cambiare – e questo a condizioni che alcune cose comincino subito a essere messe in pratica, per esempio le privatizzazioni [come quelle delle ferrovie].

Una situazione del genere è ipotizzabile? Difficile dirlo. La settimana prossima il paese entrerà  nell’ultima fase, la più difficile. La questione non è sapere se Syriza sarà  o meno al potere, ma come il paese potrà  sopportare la pressione, indipendentemente dal partito al potere. E le previsioni non sono rassicuranti.

Traduzione di Andrea De Ritis


Related Articles

Il cuore nero dell’ India

Con l’ascesa al potere della destra nazionalista, nel Paese si è riaperto il dibattito sulla contrapposizione tra “valori asiatici” e “occidentali”. Secondo la scrittrice Nilanjana Roy è però solo un pretesto per minacciare i diritti civili

Un inganno durato vent’anni

L’Eni e Brasilia non hanno mantenuto l’impegno di Rio 1992, restituire le terre tolte agli Xavante. Una storia emblematica

Calais, l’autostrada contro la giungla

Calais. Catena umana di camionisti, commercianti e operai sulla A16 chiede l’evacuazione immediata dei 10mila rifugiati presenti: «Danneggiano gli affari». Campagna elettorale sui profughi: il Fronte Nazionale si precipita alla protesta. Il governo organizza pullman per redistribuirli sul resto del territorio francese

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment