«No Pas-aran», battaglia delle donne contro il nuovo affido

Su questo punto, il ddl 957 proposto da Pdl e Udc sulla potestà  dei genitori (Art. 316, cc) recita che se anche «il figlio è soggetto alla potestà  dei genitori sino all’età  maggiore o alla emancipazione» nel momento i cui «sussiste un incombente pericolo di grave pregiudizio per il figlio, il padre può adottare i provvedimenti urgenti ed indifferibili (322)»: un potere dato al padre ma non concesso alla madre; mentre nell’art. 9 propone che «il comprovato condizionamento della volontà  del minore, in particolare se mirato al rifiuto dell’altro genitore attivando la sindrome di alienazione genitoriale, costituisce inadempienza grave, che può comportare l’esclusione dall’affidamento». 
Ma vediamo che cosa è la Pas di cui parla il ddl 957. Per Elvira Reale, psicologa che dirige a Napoli il Centro Clinico sul maltrattamento delle donne a Psicologia Clinica (Asl) ed è docente all’Università  Federico II, «la Parental Alienation Syndrome, entrata di recente nel panorama della psicologia italiana, è oggi usata in modo acritico e senza sapere come il contesto internazionale l’abbia ridotta a scienza spazzatura. Richard Gardner (autore della sindrome morto suicida che dichiarò: «C’è un po’ di pedofilia in ognuno di noi», ndr) costruì questa malattia dicendo che quando un bambino rifiuta uno dei genitori, qualunque siano le ragioni, il genitore rifiutato è vittima dall’altro genitore che manipola il figlio». Questa malattia è stata definita nel 2003 come «non dimostrata e in grado di minacciare l’integrità  del sistema di giustizia penale e la sicurezza dei bambini vittime di abusi» dai procuratori americani Erika Rivera Ragland e Hope Fields sulla NDAA’s American Prosecutors Research Institute; e nel 2010 l’Associazione neuropsichiatrica spagnola (AEN) ha raccomandato ai suoi iscritti di non utilizzarla poiché «non ha alcun fondamento scientifico e presenta gravi rischi nella sua applicazione in tribunale».
Sebbene nel 2006 sia stato introdotto l’affido condiviso anche in Italia, che presuppone una giusta mediazione dei conflitti quando una coppia si separa, a volte sussistono casi, come violenza domestica, in cui un giudice ordina l’affido esclusivo al genitore non abusante. Ma cosa succede se il genitore abusante si appella alla Pas? «La pericolosità  di questa teoria – spiega Reale – è che la falsità  scientifica viene finalizzata a sollevare dalle accuse di abuso sui minori i partner, una pratica corrente nei tribunali dove i genitori maltrattanti si difendono obiettando che le accuse sono frutto di manipolazione, e dove si prevede una sola cura: imporre al minore il genitore alienato». In Italia, dove i dati parlano di un’elevata percentuale (70-87%) di violenza domestica rendere la Pas legale sarebbe una condanna per molte donne che non denuncerebbero più la violenza per paura di perdere i bambini. «Nei tribunali italiani – dice Rossella Santi, avvocata dello sportello della Casa internazionale delle donne ed esperta di diritto di famiglia – spesso quando i bambini si rifiutano di vedere il genitore maltrattante, si ricorre alla Pas, che viene usata anche per avere la domiciliazione del bambino presso il genitore rifiutato, che di solito, almeno da noi, è il padre».


Related Articles

Uccise il tassista, condannato a 16 anni

Milano, il pm ne aveva chiesti 30. La famiglia: una sentenza vergognosa.    Per Ciavarella omicidio volontario per futili motivi, ma senza l’aggravante della crudeltà 

Record di adozioni internazionali. Nel 2010 oltre 4.000, in testa la Russia

Record di adozioni internazionali Nel 2010 oltre 4.000, in testa la Russia
La Commissione per le Adozioni Internazionali, presieduta da Carlo Giovanardi, l’anno scorso ha rilasciato l’autorizzazione all’ingresso in Italia per 4.130 bambini, provenienti da 58 Paesi. L’Italia è il secondo Paese al mondo, dopo gli Stati Uniti. E i tempi di attesa si accorciano

Il record delle colf

Un esercito silenzioso accudisce almeno due milioni e mezzo di famiglie. Sono in gran parte giovani immigrate. Sottopagate e spesso in nero

Donne, straniere, diplomate. Guadagnano mille euro al mese. La metà  di loro si divide tra più famiglie. Dal Censis, ritratto di un milione e mezzo di collaboratrici domestiche, quasi raddoppiate rispetto a 10 anni fa Un popolo conteso. Ma dove regna il lavoro nero Con la crisi stanno tornando le italiane Che in media sono meno istruite di chi arriva dall’estero Al Sud sei su dieci non hanno un contratto. E spesso non si tratta di immigrate Testo per misurare lo spazio equivalen equivalente di 001 righe cartella. Testo per misurare lo spa

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment