RIBALTONE IN GENERALI MA RESTANO I PROBLEMI

I problemi della Compagnia però restano sullo sfondo; lasciando intatti i dubbi sulle prospettive del titolo.
Se la vicenda fosse un esempio di buona governance, Generali sarebbe la società  meglio gestita al mondo. Già  al momento della cacciata di Geronzi scrivevo: «I ribaltoni al vertice della Compagnia sono la regola: Geronzi aveva sostituito Bernheim, che aveva “ribaltato” Gutty, che a sua volta aveva “ribaltato” Desiata. Quest’ultimo era arrivato al vertice grazie al “ribaltamento” di chi? Di Bernheim, a chiudere
un cerchio che sembra grottesco». Siamo, quindi, nel solco della tradizione.
Sulla gestione Perissinotto, condivido da tempi non sospetti il giudizio negativo: ma come è possibile che i soci ci abbiano messo 10 anni per capirlo (era al vertice dal 2001)? E come si fa ad imputargli la recente performance negativa del titolo, quando da 20 anni Generali fa mediamente peggio del settore (l’ho documentato in A&F, 11/4/2011)?
Perissinotto non è stato sfiduciato dal Consiglio, che solo tre mesi prima aveva approvato il bilancio, sottolineando nel comunicato ufficiale «i solidi risultati industriali… la struttura finanziaria che si è rafforzata… l’utile (2012) in forte crescita », ma in un ufficio di Mediobanca. Il Consiglio ha ratificato. Del Vecchio ha difeso il metodo rivendicando di aver chiesto lui a Mediobanca, con Pelliccioli, il ribaltone: da buon imprenditore sa che nelle nostre aziende si va direttamente dal “padrone” per far licenziare un dirigente. Ma così facendo ha certificato il controllo effettivo di Mediobanca su Generali, e il fatto che i Consigli della Compagnia siano formalità . Chissà  se Consob avrà  preso nota, e richiederà  a Mediobanca di consolidare Generali
in modo proporzionale.
Il controllo di fatto è denunciato anche da Perissinotto nella sua lettera ai consiglieri. Ahimè per lui, un boomerang: se ci ha impiegato 10 anni a capire che in Generali comanda Mediobanca, forse non hanno fatto male a cacciarlo. La lettera, poi, sfiora il patetico, giustificando la crisi del titolo con gli investimenti in Btp. Ma come? Perissinotto si definisce «leale sostenitore del debito sovrano italiano» e viene licenziato dal maggiore azionista del
Corriere della Sera,
che ha lanciato il Btp Day? Dimentica che quello che è meglio per i portafogli dei lettori, non lo è necessariamente per quello degli editori. Che siamo a una svolta in Italia, coi manager che pagano se il titolo soffre in Borsa, non ci credo: fosse così, quelli di Mediobanca e Pelliccioli rischierebbero di non mangiare il panettone. Fin qui, mi sembra cronaca di costume. La cosa
grave è che si sia cambiato il vertice senza indicare al mercato dove Perissinotto ha fallito, e quali siano gli obiettivi dati a Greco. Dire che è più bravo del predecessore, o che deve far salire il titolo, è solo retorica, se non si dichiara quale svolta nella strategia si vuole da lui. Perché Generali un problema ce l’ha: una politica degli investimenti inadeguata e insoddisfacente. In sintesi, gli attivi di Generali sono investiti in tante obbligazioni, immobili e qualche partecipazione “strategica”. Ma da cinque anni lo scenario globale è di prolungata stagnazione e i tassi di interesse a lungo termine nel mondo non coprono neanche l’inflazione attesa: impossibile così remunerare le polizze, coprire i costi, e assicurare il ritorno sul capitale. A questo si aggiunge il rischio insolvenza del debito sovrano nell’Eurozona. Negli immobili, superato il picco di un ciclo secolare, ci attendono vacche magre. Quanto alle partecipazioni strategiche, definirle deludenti è eufemistico. Generali deve cambiare radicalmente la gestione degli investimenti e la capacità  di assumere rischi finanziari. L’alternativa è la metamorfosi del Leone in Gattopardo.


Related Articles

Cassa integrazione per 600mila lavoratori nel 2010 hanno perso 7mila euro a testa

Fiat, oggi Fiom e Uilm-Fim si divideranno. Sacconi: accordo entro Natale.   Le sigle temono che finita la cassa straordinaria non ci siano i fondi per quella in deroga 

Prodi: “È la ricevuta fiscale il baluardo della democrazia”

«Come si fa a salvare un Paese se fra chi lo governa c’è chi dice che obbligare alla contabilità  è comunista?». Romano Prodi ha appena compiuto 72 anni e tira di nuovo fuori gli artigli. Boccia la manovra senza mezzi termini e avverte che con questo governo tutto il paese rischia di saltare.

IL CORAGGIO CHE NON C’È

Con le consultazioni avviate dal ministro Fornero, la partita sul mercato del lavoro sta entrando nel vivo. Sinistra e sindacati hanno levato gli scudi a difesa dell’articolo 18.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment