007 e il miracolo di Re Mida

È noto che la parte in commedia dell’editore Adelphi è quella di Re Mida o di chi, in altri termini, riesce a veicolare come prelibate opere d’arte anche testi che un tempo si sarebbero detti di dozzina e, più di recente, mid cult.

MASSIMO RAFFAELI - il Manifesto Editore • 21/7/2012 • Libri & culture • 56 Viste

Non era impresa facile per Ian Fleming e le avventure di James Bond, tuttavia traghettate dagli inferi di una vetusta edizione Garzanti (brossure grigie senza un’ombra d’apparato, libretti da leggere in treno, cui aveva dedicato uno dei suoi saggi giovanili più fiammanti Umberto Eco, «Il superuomo di massa») all’attuale paradiso della civiltà  tipografica: per il primo romanzo della serie di OO7, «Casino Royale» (collana Fabula, pp. 227, euro 16), Adelphi non esita infatti a mobilitare l’artiglieria della Casa, cioè un anglista del valore di Matteo Codignola e un traduttore (nonché poeta) quale Massimo Bocchiola. Benissimo: a leggere i giornali, è probabile che Re Mida abbia fatto di nuovo il miracolo e che dunque avremo un altro Chandler, il quale bontà  sua amava Ian Fleming. È però sorprendente che nessuno abbia messo in evidenza sui medesimi giornali (dove proprio non mancano veri o presunti amici degli ebrei) il fatto che Fleming fosse pregno di immaginario antisemita e, ad esempio, l’idea della «Spectre» (l’organizzazione planetaria contro cui combatte OO7) l’avesse stralciata dai Protocolli dei Savi di Sion, un classico di cui Fleming dev’essere stato un attento esegeta. L’omissione si deve, evidentemente, all’ennesimo miracolo di Re Mida.

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This