Edoardo Patriarca è il nuovo presidente del Cnv

LUCCA – Edoardo Patriarca è il nuovo presidente del Centro Nazionale per il Volontariato. Membro del comitato d’indirizzo indicato dalla Caritas Italiana, che è socio fondatore dell’associazione istituita da Maria Eletta Martini 28 anni fa, Patriarca ha ricevuto l’investitura con 28 voti a favore e tre astenuti nella riunione del comitato che si è svolta ieri mattina nella sede di Lucca. “Ho vissuto la vita del Cnv – ha detto Patriarca – interloquendo con personalità  come Maria Eletta Martini, Luciano Tavazza, Giuseppe Pasini e Giovanni Nervo. Ho vissuto le stagioni importanti delle giornate di Lucca, dei celebri convegni nazionali e da portavoce del Forum del Terzo Settore ho avuto modo di assistere al rilancio del Cnv da parte di Maria Eletta. Sono grato a queste persone che hanno permesso questa storia”.
“Ho visto in questi anni la fatica del nostro mondo che è un soggetto importante del Paese. Ho visto perdere la capacità  di fare pensiero – aggiunge il neo-presidente del Cnv – che invece era fortemente presente negli anni ottanta e novanta. Il volontariato era il luogo dove si poteva ricostruire la  cittadinanza e l’impegno civile, luogo della ricomposizione e dell’unione fra anime diverse. Il terzo settore oggi è troppo frammentato, in un’epoca in cui tutti convergono sul fatto che la coesione sociale si base sulla comunità . E il nostro mondo è una risorsa per il paese, per andare avanti”.

Edoardo Patriarca, 59 anni, è sposato con 2 figli. Laureato in Chimica, ha insegnato presso gli Istituti scolastici di Carpi. Dal 1999 al 2006 è stato portavoce del Forum nazionale del Terzo Settore. Dal 1998 al 2001 è stato consulente presso il Ministero della Pubblica Istruzione per tutte le problematiche riguardanti l’associazionismo giovanile. Nello stesso periodo ha collaborato con il Ministero degli Affari sociali per la stesura dei rapporti sul volontariato, ed è stato componente dell’Osservatorio nazionale del volontariato presso lo stesso Ministero.
Fino al 2006 è stato consigliere della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi. Dal settembre 2001 è componente del Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro (Cnel) e ha seguito in particolare i temi riguardanti l’economia sociale, le politiche per l’infanzia e la famiglia, e quelle per l’immigrazione. Nel luglio 2010, è indicato dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano “esperto per il terzo settore” presso il Cnel. E’ presidente della Commissione per l’informazione, che tratta le problematiche legate al mercato del lavoro e alla contrattazione nazionale e decentrata. Nell’aprile 2012 è nominato dal Governo membro del comitato di gestione fondi dell’Emilia.

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Migranti. Nascosto nel carrello di un aereo bambino muore assiderato

Ieri mattina alle 6.40 il corpo senza vita di un ragazzino di una decina di anni è stato trovato nel carrello di atterraggio di un aereo Air France, arrivato poco prima da Abidjan

Legge sulla cooperazione: “scompare il volontario, arrivano i tecnocrati”

Dura presa di posizione della Focsiv alla bozza di riforma della legge 49. Il presidente Cattai: “Sconcertante la virata verso un modello che collide con l’impostazione di fondo basata sul volontariato”. Actionaid: “Il destino del fondo unico sembra naufragato”

In Italia 12 milioni di fumatori, domani giornata contro il tabagismo

Roma – In Italia ci sono 11,8 milioni di fumatori (il 26% sono maschi). Gli ex sono 7,8 milioni. Molti degli appassionati delle ‘bionde’ sono giovani o giovanissimi. Fra le fumatrici donne il 21,8% ha 15-24 anni. Fra gli uomini oltre il 32% ha 25-44 anni. Sono i numeri dell’Istituto superiore di Sanita’ raccolti nel 2011.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment