Istat: il 72% degli italiani favorevoli alla cittadinanza per i bambini stranieri nati in Italia

ROMA – Gli italiani mostrano grande apertura verso la società  multiculturale, le seconde generazioni e il riconoscimento della cittadinanza. Il 72% degli intervistati dall’Istat per la rilevazione “I migranti visti dagli italiani” è favorevole all’acquisizione della cittadinanza italiana per i figli di stranieri nati nel Paese. La quasi totalità  delle risposte è che sia giusto dare la cittadinanza agli immigrati che ne fanno richiesta dopo un certo numero di anni di residenza regolare in Italia. Sono sufficienti 5 anni per il 38% dei rispondenti, 10 per il 42%, 15 anni per il 10% degli intervistati. Un residuale 8 % ritiene che non debba essere mai concessa la cittadinanza.
Ma si ferma al 42,6% la quota di quanti si dichiarano molto o abbastanza d’accordo a riconoscere il diritto di voto nelle elezioni comunali agli immigrati che risiedono da alcuni anni in Italia, anche se non hanno la cittadinanza italiana. La maggioranza (57%), invece, è poco (18%) o per niente d’accordo (39%). Riguardo agli immigrati irregolari che non hanno commesso reati, il 54% degli intervistati risponde che non devono essere espulsi, “seppure un numero comunque elevato (46%) ritiene che, invece, ciò debba avvenire”.
Dalle risposte fornite emerge il riconoscimento di un ruolo positivo della società  multiculturale. Oltre il 60%, infatti, ritiene che “la presenza degli immigrati sia positiva perché permette il confronto con altre culture”. L’affermazione per cui “ogni persona dovrebbe avere il diritto di vivere in qualsiasi paese del mondo abbia scelto” trova d’accordo (molto 54%, abbastanza 33%) la quasi totalità  dei rispondenti. L’apertura verso il multiculturalismo, emerge in particolare da alcune risposte.  La maggior parte degli intervistati (82%), infatti, si dichiara poco (24%) o per niente d’accordo (58%) con l’affermazione che “è meglio che italiani e immigrati stiano ognuno per conto proprio”, manifestando chiaramente di apprezzare la convivenza tra culture diverse. Una quota simile (81%) si dichiara poco (27%) o per niente d’accordo (54%) con chi ritiene che “l’Italia è degli italiani e non c’è posto per gli immigrati”. (rc) 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Il mal francese infiamma Bossi e risveglia il Pd

Se avessimo il coraggio di specchiarci nella Francia di Sarkozy che scatena la caccia dall’uomo su base etnica forse ci accorgeremmo di quanto facciamo schifo anche dalle nostre parti. Immancabilmente ce lo ricordano i leader del centrodestra, Bossi fa Bossi, La Russa lo rincorre con grande naturalezza, e Berlusconi, come sempre, sa annusare come pochi altri l’aria fetida che tira.

«Una pratica comune nei Paesi dell’Ue»

Mauro Palma, ex presidente del Consiglio permanente contro la torturaMauro Palma è ex presidente del Consiglio permanente contro la Tortura del Consiglio d’Europa, e attuale membro presso lo stesso Consiglio (che rappresenta 47 paesi) dell’organismo che si occupa della cooperazione nell’esecuzione della pena

Aquarius. I sindaci contro la linea del Viminale di Salvini: «Porti aperti subito»

Aquarius. Da Napoli a Palermo fino alle città senza mare. Ma dal 1994 i comuni non hanno competenze sugli scali. Anche nella Torino 5S si protesta per la chiusura

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment