Sgombrati i metallurgici

Il governo tripartito di Samaras, la troika e la Germania affondano la Grecia e non solo, rifiutando di finirla con la politica dei tagli, respingere gli speculatori e sostenere lo sviluppo e l’occupazione. La borsa di Atene ieri ha perso il 7,62% fotografando l’incapacità  di Samaras e dei suoi «padrini» a Bruxelles e Berlino di offrire una soluzione credibile alla crisi di Atene. Le azioni della compagnia elettrica Deh hanno ceduto più del 16%, aumentando la rabbia dei sindacati e della sinistra radicale e comunista che sono pronti a difenderla dal tentativo di svendita in atto, mentre polizia e magistratura hanno forzato lo sciopero ad oltranza dei metallurgici di «Elliniki Xalibourgia» dimostrando la decisione del governo di Samaras e degli industriali di affrontare con la repressione chi resiste. 
La Commissione Europea ha detto che la nuova tranche dei prestiti di 31,5 miliardi di euro alla Grecia sarà  versata soltanto a settembre, dopo la visita dei rappresentanti della troika ad Atene e il successivo rapporto per l’applicazione del Memorandum. Mentre domenica, dalle pagine del giornale tedesco Bild, il ministro delle Finanze tedesco Wolfang Schà¤uble ha avvertito il governo Nd-Pasok-Sd che deve raddoppiare gli sforzi per soddisfare le condizioni del Memorandum, evitando tra l’altro di dire o prevedere se la Grecia resterà  o no nella eurozona. 
Da parte sua il Fondo Monetario Internazionale ha risposto con grande lentezza alla rivista tedesca Der Spiegel che sosteneva già  dalla fine della scorsa settimana che il Fondo non è disposto a sostenere più il paese. Il rappresentante del Fmi ha detto ieri che «il Fondo sostiene la Grecia per affrontare le sue difficoltà  economiche», sottolineando che un suo inviato sarà  da martedì in Greci, insieme con i rappresentanti della Commissione Europea e della Bce, per sostenere il successo del programma dell’aiuto economico al paese. 
In sostanza, Commissione Europea e Fmi vogliono costringere il governo tripartito di Samaras a guadagnare il tempo perso dalle doppie elezioni ed accelerare la loro politica di tagli, privatizzazioni e «riforme» strutturali. 
Il sostegno ai memorandum intanto delinea i nuovi confini della sinistra greca, dopo il sostegno della Sinistra democratica al governo di Samaras.
Parlando alla riunione del gruppo parlamentare di Syriza, Alexis Tsipras ha avvertito ieri che l’accelerazione del programma del Memorandum «è una pura follia, che porterà  il paese al fallimento», mentre ora si vede molto bene che «il vero pericolo per il paese non era il governo di Syriza ma l’elezione di un governo del Memorandum». «Il paese va incontro a un autunno caldo e al crac», ha detto ieri Tsipras, chiedendo ai deputati di Syriza di stare in prima linea nelle lotte e denunciando il governo tripartito di Samaras per l’irruzione dei corpi speciali della polizia contro i metallurgici della «Acciaieria Greca» che sono da nove mesi in sciopero. Tsipras vuole un nuovo Consiglio Europeo per cercare «una nuova strategia per il caso greco», mentre Syriza pensa di utilizzare gran parte dello stipendio dei suoi deputati per le attività  sociali del partito.
Syriza si prepara di dare una grande battaglia dentro e fuori il parlamento contro le privatizzazioni, che Tsipras ha definito un «delitto premeditato», per quanto riguarda la Banca dell’Agricoltura, che gestisce i debiti e il futuro degli agricoltori, e la Banca delle Poste, il baluardo del settore bancario controllato ancora dallo stato. 
Al contrario, il leader di Sinistra democratica Fotis Koubelis ha chiesto al suo gruppo parlamentare di lavorare per l’accelerazione del programma del Memorandum e di tutte le riforme strutturali che prevede. Koubelis ha detto che fino alla fine del 2012 non ci saranno altri tagli ai salari e alle pensioni e ha chiesto misure a favore degli strati deboli della popolazione, come il pagamento delle tasse a rate… Un deputato di Sinistra democratica comunque ha già  lasciato il gruppo, dopo l’irruzione della polizia all’acciaieria, mentre ieri la magistratura e la polizia hanno fatto alle cinque della mattina di lunedì una nuova irruzione per «aprire l’acciaieria con chi vuole lavorare» e hanno effettuato nove fermi, tra cui quello del presidente del sindacato dei metallurgici che resistono in sciopero da nove mesi grazie all’enorme movimento di solidarietà  da tutto il paese e specialmente delle zone industriali di Aspropyrgos ed Eleusina.


Related Articles

Dsk, la procura si arrende “Niente prove, sarà  liberato”

Dalla vergogna allo champagne in 53 giorni.   Stamattina incontro tra pm e difensori Strauss-Kahn potrebbe essere del tutto scagionato. Ora che non è più il “carnefice”, su di lui solo l’onta di comportamenti indecorosi

 

Regeni, ultimatum all’Egitto Il Cairo: così complicate tutto

Gentiloni: svolta o reagiremo, non calpesteranno la nostra dignità. Tensione sulle indagini, poi Al Sisi rassicura: piena collaborazione

L’urlo del compagno sindaco

Nessun controllo per entrare nella zona «evacuata», dove centinaia di persone, tra volontari, precettati e «condannati» cercano di fermare quella che potrebbe ancora diventare la maggiore catastrofe atomica della storia. Basta ascoltare il sindaco della devastata Minami Soma, che ama Gramsci e Berlinguer: «Il nostro tsunami si chiama nucleare».  In viaggio da Minami Soma alla centrale, tra macerie e cavalli radioattivi. Il premier Naoto Kan in visita agli sfollati si ferma a trenta chilometri

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment