Si impicca con l’elastico degli slip suicidio nel carcere di Regina Coeli

Loading

Un detenuto tunisino di 25 anni, S. l’iniziale del cognome, con problemi psichici, si è impiccato nella notte nel carcere di Regina Coeli utilizzando l’elastico dei suoi slip, nonostante fosse controllato a vista dalle guardie. A darne notizia, è stato il garante dei detenuti del Lazio, Angiolo Marroni. 

L’uomo, nel carcere romano da pochi giorni, era ricoverato nel centro clinico di Regina Coeli “per un problema fisico momentaneo, derivante forse dall’arresto”, come spiega il direttore di Regina Coeli, Mauro Mariani. Stava scontando una pena per reato di rapina e resistenza a pubblico ufficiale. ”L’episodio è avvenuto alle 11.30 di ieri notte al momento dello spegnimento delle luci. Il detenuto aveva problemi mentali e per questo era guardato a vista 24 ore su 24″, ha raccontato Marroni durante una conferenza stampa per denunciare, come anche da rilievi della Asl, le condizioni igieniche e strutturali “catastrofiche” del centro clinico del carcere di via della Lungara.

”E’ stata una modalità  davvero particolare – ha detto il direttore del carcere di Regina Coeli, Mauro Mariani – perché il detenuto ha utilizzato, per impiccarsi, l’elastico dei suoi slip. Era da pochi giorni in carcere e già  aveva procurato dei problemi a causa del suo comportamento aggressivo e violento. Ci volevano tre poliziotti per tenerlo”. Mauro Mariani ha spiegato che “lo psichiatra aveva disposto la sorveglianza a vista e il 7 agosto era stata fissata una perizia. Ma anche con un controllo continuativo queste cose possono succedere. Le luci andavano spente, c’è sempre un limite tra il rispetto della dignità  delle persone e la prevenzione dei pericoli, soprattutto con una persona già  fragile psicologicamente”, ha concluso Mariani.


Related Articles

Referendum. Vola il voto per la canapa, una lezione per la politica

Loading

La guerra alla droga nel mondo è stata superata con scelte di legalizzazione della canapa, prima in Uruguay, poi in tanti Stati degli Usa e infine in Canada. Ora tocca all’Italia

Sicurezza, Amato risponde a Moratti due nuovi commissariati a Milano

Loading

Consultazioni con Prodi e Letta, poi il via libera Arriveranno nel capoluogo anche 110 uomini in più (la Repubblica, LUNEDÌ,

World Drug Report 2013. Cresce l’uso di nuove sostanze psicoattive

Loading

L’allarme lanciato oggi dal rapporto dell’Ufficio delle Nazioni unite contro la droga e il crimine (Unodc). La cannabis è la sostanza più utilizzata, ma le nuove droghe “si moltiplicano ad un ritmo senza precedenti”. Fedotov, direttore Unodc, “Circa 200 mila persone continuano a morire ogni anno per le droghe”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment