Conti pubblici, Monti cerca la sponda Ue

BRUXELLES — Un caffè «informale» e, vista l’ora, leggero. Ma, questo è l’obiettivo, con un qualche sapore politico. Ieri, alle 10 di sera, il premier Mario Monti, accompagnato dal ministro per gli Affari europei Enzo Moavero, si è visto con il presidente della Commissione europea José Manuel Durao Barroso. Un’ora e mezza di colloquio scandita da tre argomenti principali: l’unione bancaria, le regole di bilancio fissate dal «fiscal compact», le possibili modifiche dei Trattati europei. La stessa agenda che verrà  riaperta oggi a Berlino, dove Monti è atteso dalla cancelliera Angela Merkel.
Negli ultimi dieci giorni abbiamo visto i leader di Germania e Francia dialogare fra loro e con il premier greco Antonis Samaras, saltando sistematicamente la Commissione. E non solo perché Barroso era in ferie.
Il presidente del collegio di Bruxelles non aveva particolari necessità  di parlare con Monti: in questo momento le urgenze si chiamano Grecia e Spagna. È stato il presidente del Consiglio italiano a prendere l’iniziativa. Monti vuole ripartire proprio da Bruxelles, da ciò che resta dello «spirito comunitario»: si discute con tutti e per le decisioni si fa perno sulle istituzioni europee. L’esatto contrario di quello che sembrano avere in mente Franà§ois Hollande e Merkel. L’incontro con Barroso, dunque, non va derubricato a «scalo tecnico» (Monti ha ancora casa a Bruxelles) sulla via di Berlino. Va visto, invece, come un tentativo di tenere largo il consenso sull’operato del governo italiano e di evitare le due insidie sempre vive: restare stritolati dal rinnovato patto franco-tedesco o, ancora peggio, essere costretti ad affidarsi in toto alla benevolenza della Germania. Ieri, per altro, Merkel ha concesso un saggio di iper attivismo non richiesto. Prima si è mostrata affranta per la sorte dei greci: «Mi sanguina il cuore quando penso ai loro sacrifici». Poi ha annunciato che domani, nel corso della visita a Pechino, chiederà  al governo cinese «di comprare bond spagnoli e italiani, visti i tassi di interesse convenienti».
Se queste sono le premesse, è chiaro che l’incontro di oggi a Berlino sarà  tutt’altro che semplice. Il presidente del Consiglio italiano arriverà  per gradi al tema cruciale del piano anti-spread, cui sta lavorando il presidente della Bce Mario Draghi, vale a dire l’intervento sul mercato dei titoli pubblici per ridurre la differenza di rendimento tra buoni italiani e bund tedeschi. Si partirà  invece da una ricognizione sulle liberalizzazioni e sul rafforzamento del mercato unico, facendo leva sul documento messo a punto da Moavero Milanesi e dal consigliere diplomatico della Cancelliera Nikolaus Meyer-Landrut. Dopodiché Monti scorrerà  la lista testata con Barroso come in una sorta di prova generale. Primo punto: l’unione bancaria europea, che significa soprattutto vigilanza sugli istituti di credito affidata alla Bce e garanzia unica europea per i depositi bancari. Secondo: verificare se ci sono margini di flessibilità  nell’applicazione della nuova disciplina di bilancio fissata nel «fiscal compact». Anche qui difficile che la Merkel sia disponibile a concedere qualche margine in più, specie nei vincoli di rientro per debito e deficit. Ma, forse, c’è spazio per posticipare l’entrata in vigore fissata per il momento al 1° gennaio 2013, a condizione che almeno 12 Paesi lo abbiano ratificato. Infine le modifiche ai Trattati, ormai apertamente pretese dalla leader tedesca. Monti dirà  di essere disponibile a cambiare la normativa: meglio sarebbe farlo senza toccare, o toccando il meno possibile i Trattati (e su questo ieri ha registrato il consenso di Barroso). Ma se fosse necessario cambiare radicalmente i testi, l’Italia non si metterà  di traverso. E del resto, oggettivamente, non avrebbe la forza per farlo.


Related Articles

La riforma sanitaria ammalata

STATI UNITI Rischia di appassire il fiore all’occhiello dell’amministrazione Obama
Secondo il presidente un sito che non va non è una legge che non va. Unica nota positiva, il «povero» Kentucky Esordio imbarazzante per la cosiddetta «Obamacare», messa al tappeto dalla debacle del sito healthcare.gov

L’impoverimento europeo che fa paura

I difen­sori dell’attuale archi­tet­tura comu­ni­ta­ria e delle sue regole com­pe­ti­tive, insi­stendo sull’intangibilità di poli­ti­che i cui effetti disa­strosi sono sotto gli occhi di tutti, non fanno altro che ali­men­tare pul­sioni nazionaliste

Mitterand “Un’iniezione per morire così ha scelto di dire addio”

Un libro rivela l’ultima verità  sulla sua fine “Soffriva per il tumore e scelse l’eutanasia” Il figlio Gilbert: “Una persona ci disse che tutto si era svolto tranquillamente”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment