Crisi economiche e macchie solari

Scrive Jevons: «E’ curioso notare la varietà  di spiegazioni offerte dagli economisti sulle cause dell’attuale situazione commerciale. La competizione straniera, il consumo di birra, la sovrapproduzione, il sindacalismo, la guerra, la pace, la mancanza di oro, la sovrabbondanza di argento, Lord Beaconsfield, la politica di governo, i dirigenti della Glasgow Bank, Edison e l’elettricità  sono alcune delle felici e abituali argomentazioni portate per spiegare l’attuale crollo disastroso dell’industria e del credito. Capita solo a poche persone di ricordare che quello che sta succedendo ora, altro non è che una specie di ripetizione di quello che è di volta in volta successo precedentemente. La periodicità  di questi eventi è così evidente che convinse i ricercatori scientifici, pur non avendo nessuna informazione che convalidasse le loro teorie, che doveva essere all’opera una qualche profonda causa».
Dopo una attenta rassegna delle crisi decennali intervenute tra il 1701 e il 1878, Jevons stabilisce che le principali crisi commerciali si susseguono con un intervallo medio di circa 10, 466 anni. Inoltre, la perfetta coincidenza di questo periodo con il calcolo del ciclo delle macchie solari (10, 45) è per lui prova evidente che i due fenomeni sono collegati in rapporto di causalità . «Se ci fosse permesso di trarre qualche conclusione immediata da queste analisi – seguita Jevons – si dovrebbe sottolineare la necessità  urgente di osservare direttamente il variare della forza e del carattere dei raggi del sole. Mentre gli astronomi discutono animatamente e dedicano illimitate energie al duecentesimo planetoide, la vera fonte di calore, di luce e di vita è lasciata inosservata. Ma perché menare il can per l’aia quando tutto quello che si richiede è una mezza dozzina di pireliometri di Pouillet e di osservatori capaci, che vogliano sfruttare ogni giorno terso per determinare direttamente la forza-calore del sole? Verrà  il tempo in cui la più importante notizia del Times sarà  il cablogramma quotidiano che riporta i dati dell’energia solare. Si dovrebbero situare osservatori solari sugli altipiani di Quito o Cuzco, nel Cashmere, nell’osservatorio di Piazzi Smith sulla vetta di Teneriffe, nell’Australia Centrale o laddove si possa osservare il sole senza offuscamenti nell’atmosfera. Un impero sul quale il sole non tramonta mai e il cui commercio si diffonde in ogni porto e in ogni insenatura del soleggiato sud, saggiamente non può tralasciare di dare uno sguardo alla grande fonte di energia. Dallo stesso sole, che è veramente of this great world both eye and soul noi traiamo la nostra forza e la nostra debolezza, i nostri successi e insuccessi, la nostra euforia nei momenti di febbre commerciale, la nostra depressione e rovina nei momenti di crollo commerciale. Un astronomo di fiducia e qualche semplice calcolo basteranno dunque per determinare il momento più opportuno per prendere o per lasciare il potere.


Related Articles

Il Senato cancella l’arresto per stalking

Lecce, uccide la ex e si spara in testa. Allarme per la riforma della legge svuota-carceri   

Equitalia ancora sotto attacco molotov contro la sede di Livorno

Blitz nella notte. Grilli: sbagliato considerarla un nemico  I testimoni parlano di 3 o 4 giovani a volto scoperto in fuga poco prima dell’esplosione 

«In carcere senza motivo Pronti a fare causa»

 MILANO — Notte tra sabato e domenica. Al Policlinico arriva un giovane, Vincenzo. Chiede informazioni, cerca il posto di polizia. Sbatte contro la fredda burocrazia, cerca di mantenere il controllo. Suo fratello è morto in carcere, a San Vittore, nel pomeriggio. Ma nessuno dà  spiegazioni né a lui né allo zio Marco, anch’egli in ospedale. «I carabinieri ci hanno chiamato quattro ore dopo — racconta il 24enne Vincenzo — dicendo di telefonare al cappellano della prigione». Don Alberto comunica alla famiglia la tragedia: «Alessandro si è tolto la vita».

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment